Primarie, Arcoleo (Pd): "Faraone deve dimettersi" | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

Il consigliere comunale a ilSicilia.it

Primarie, Arcoleo (Pd): “Faraone deve dimettersi” | Video intervista

di
5 Marzo 2019

 Guarda la video intervista in alto

 

Rosario Arcoleo, consigliere comunale del Pd a Palermo, a ilSicilia.it ha parlato del recente risultato delle primarie che hanno portato alla vittoria Nicola Zingaretti, un successo che apre nel Partito Democratico siciliano un nuovo momento storico che potrebbe mettere da parte il renzismo.

Infatti, il segretario isolano dei dem, Davide Faraone, la cui proclamazione ha provocato non poche polemiche, con il ritiro della candidata del Pd (area Zingaretti) Teresa Piccione, adesso si trova a fare i conti con un risultato che decreta il ridimensionamento dei renziani a Palermo.

Ed è proprio nel capoluogo siciliano, città di Faraone, che il candidato appoggiato dal segretario regionale Martina arriva a prendere soltanto il 23%, contro Zingaretti che arriva al 67%.

A seguito di questo risultato, dunque, potrebbe cambiare, l’azione politica a Palermo del Pd “Proveremo a dettare un percorso più vicino alla gente, dobbiamo dare un segnale di cambiamento ai cittadini, questo è quello che dobbiamo fare in consiglio comunale, quello che non c’è stato in questi mesi” afferma Rosario Arcoleo.

Il consiglio comunale non fa eccezione sulla spaccatura tra Zingarettiani e Faraoniani, anche a Sala delle Lapidi, infatti, le distanze sono evidenti, sulla possibilità di ricucire il partito il consigliere comunale afferma “Credo che l’unica prospettiva sia quella che Faraone si dimetta, ad oggi il risultato delle primarie mostra che lui rappresenta una minoranza del Partito democratico e quindi deve prendere atto dei risultati e dimettersi dando la possibilità al Partito di ricostruire e di rilanciare insieme un’azione che ci possa portare alle Europee“.

Proprio il giorno prima delle primarie il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha ufficializzato i nomi della ‘nuova Giunta’, tra questi al Bilancio ha piazzato l’ingegnere Roberto D’Agostino, ritenuto vicino a Faraone “Non vedo un rilancio dell’azione amministrativa con questa Giunta, penso che sarebbe stato meglio, intanto, dal punto di vista formale, visto che il sindaco è iscritto al Pd, aspettare prima di fare un’azione del genere visto che vi erano dei candidati che si stavano misurando in una competizione interna“.

 

LEGGI ANCHE:

Primarie Pd: anche la Sicilia premia Zingaretti, Faraone sulla graticola

Orlando rivoluziona la Giunta: ecco i nuovi assessori di Palermo | Video

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin