Primarie Pd, attacco mozione Zingaretti a Faraone: "Gazebo scelti da segreteria abusiva" | Videointervista :ilSicilia.it

Seggi aperti il 3 marzo

Primarie Pd, attacco mozione Zingaretti a Faraone: “Gazebo scelti da segreteria abusiva” | Videointervista

di
27 Febbraio 2019

Guarda il video in alto

Tutto pronto per le primarie del Partito Democratico che stabiliranno chi tra Nicola Zingaretti, Roberto Giachetti e Maurizio Martina guiderà il partito. Si voterà domenica 3 marzo dalle 8 alle 20. A Palermo saranno nove i gazebo allestiti in città, ai quali vanno aggiunti quelli della provincia, una quarantina circa. Nella stessa tornata saranno eletti anche i componenti dell’Assemblea nazionale del partito.

In Sicilia, intanto, continuano le polemiche interne ai dem, con gli attacchi che arrivano dall’area Zingaretti al segretario regionale del partito Davide Faraone sulle modalità di svolgimento della consultazione e sul numero dei gazebo: “La scelta dei seggi è stata decisa a colpi di maggioranza da chi detiene abusivamente la segreteria regionale – dice Franco Ribaudo, candidato con la mozione Zingaretti in provincia di Palermo –  Se si voleva favorire la partecipazione, occorreva prevedere un seggio per ogni comune. A Palermo, invece, si è passati dai 28 seggi del 2017 a nove: come dire alla gente di non andare a votare“.

Un’altra esponente della mozione Zingaretti, Daniela Crimi, fa un appello al popolo dei dem: “Partecipare alle primarie di giorno 3 marzo – dice – rappresenta l’ultima speranza per il popolo della sinistra di fermare il dilagare della destra. Il popolo di centrosinistra deve riprendersi il partito, che ha avuto una cattiva gestione, con troppi personalismi – afferma – Occorre ricostruire il dialogo con le persone“.

Anche Antonello Cracolici, come Ribaudo e Crimi, si candida per l’assemblea nazionale del partito sostenendo Zingaretti per la segreteria: “In gioco non c’è solo la scelta del prossimo segretario del Pd, c’è il futuro dell’Italia – dice il deputato regionale – In democrazia, quando perdi devi prepararti a vincere la volta successiva e per farlo dvi essere credibile come alternativa. Il voto in Sardegna e in Abruzzo ci ha dimostrato che lo scontro politico in Italia è tra centrodestra e centrosinistra. Il grillismo è un incidente della storia, occorre ricostruire il campo del bipolarismo. Nel centrosinistra – conclude – serve ricostruire partendo da valori condivisi e Zingaretti ha le qualità inclusive per farlo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin