Primarie Pd, i sindaci del Palermitano attaccano Faraone: "Vuole impedirci di votare" :ilSicilia.it
Palermo

le votazioni il 3 marzo

Primarie Pd, i sindaci del Palermitano attaccano Faraone: “Vuole impedirci di votare”

di
1 Marzo 2019

“È inammissibile non allestire gazebo in ogni comune della Sicilia ed, in particolare , in quelli a guida Pd, delegittimando gli stessi amministratori, per limitare la partecipazione al voto sabotando il congresso: qualcuno ha deciso di impedire la partecipazione”. È quanto si legge in un documento firmato da amministratori locali e segretari di circolo di oltre venti comuni del Palermitano inviato ai candidati alle primarie di domenica 3 marzo, Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giacchetti.

Tra i comuni dove non è previsto un gazebo c’è Capaci, circa 13 mila abitanti. Si legge nel documento: “Non si capisce tale scelta, assurda e ingiustificata dal punto di vista logistico e organizzativo, visto che in ogni comune, grazie ai militanti e iscritti del Pd, erano state offerte soluzioni a costo zero per allestire i seggi”.

“E comunque – si sottolinea nella nota –  in un momento come questo, il senatore Faraone (segretario del Pd in Sicilia) avrebbe fatto bene a rendere disponibili le risorse del partito per consentire l’allestimento dei gazebo piuttosto che vantarsi proprio ieri della manutenzione straordinaria della sede regionale”.

“Tutto ciò al solo scopo di delegittimare tutti coloro che sul territorio, volontariamente, si impegnano nelle battaglie quotidiane”. Stando a quanto scritto nel documento, i seggi non sarebbero stati allestiti a Capaci, Casteldaccia, Santa Flavia, Trabia, Caccamo, Gratteri, Isnello, Alimena, Montemaggiore, Aliminusa, Scafani Bagni, Scillato, Altavilla, Caccamo, Ventimiglia, Baucina, Godrano, Bolognetta, Petralia Sottana, Villabate, Villafrati, Vicari.

“I cittadini non troveranno il loro seggio ma dovranno votare in quelli ben più lontani anche rispetto ai gazebo presenti nei comuni più vicini. Su tutti i cittadini di Capaci, che anziché andare al gazebo della vicina Isola delle Femmine dovranno andare a Carini. Rispetto alle precedenti primarie in provincia i seggi sono stati ridotti del 50%, in città ancora di più. Tutto questo mortifica la partecipazione democratica”.

Crediamo che chi fa politica non debba avere paura della partecipazione, ma anzi deve incentivarla più possibile, anche perché solamente in questo modo si possono scardinare le attuali forza al governo”.

“Tutto questo è inammissibile – conclude il documento – perché il partito doveva fare delle scelte volte a recuperare la credibilità e il consenso nei confronti di elettori e simpatizzanti, invece queste primarie saranno solo una prova di forza che rischia di danneggiare ulteriormente tutti. Pertanto, chiediamo che si consenta alle persone di votare nel loro paese di residenza e a Palermo in ciascun quartiere come si è sempre fatto per le primarie del Pd“.

 

LEGGI ANCHE:

Primarie Pd, attacco mozione Zingaretti a Faraone: “Gazebo scelti da segreteria abusiva” | Videointervista

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.