Primarie Pd Sicilia: Teresa Piccione candidata per l'area Zingaretti :ilSicilia.it

Correrà contro Davide Faraone

Primarie Pd: Teresa Piccione candidata per l’area Zingaretti

di
18 Novembre 2018

Sarà Teresa Piccione la candidata alla segreteria del Pd siciliano per l’area che fa riferimento a Nicola Zingaretti, governatore della Regione Lazio e candidato alla segreteria nazionale. E’ il suo il nome che ha preso quota in questi ultimi giorni. Domani, infatti, scadono i termini per la presentazione delle candidature in via Bentivegna, in vista delle primarie che si terranno il 16 dicembre prossimo.

Piccione contenderà la guida del Partito a Davide Faraone, renziano di ferro, sottosegretario all’istruzione prima e alla salute dopo rispettivamente nei governi Renzi e Gentiloni, che proprio ieri ha ufficializzato la propria decisione con un post su Facebook.

Ed è stata proprio la discesa in campo di Faraone a far rompere gli indugi all’area Zingaretti. Il post di Faraone, infatti, ha di fatto sancito la fine delle trattative in corso per la presentazione di una candidatura unitaria, auspicata da molti e alla quale le varie correnti stavano lavorando faticosamente da settimane. L’obiettivo, ormai sfumato, era quello di evitare le divisione e lavorare tutti insieme per risollevare le sorti di un partito che sia a livello nazionale che regionale sta vivendo un periodo di grande difficoltà.

Piccione, classe 1955, molto vicina al capogruppo del Pd all’Ars Giuseppe Lupo, è un’insegnante. Ha ricoperto diversi ruoli all’interno del Partito democratico: è stata deputata nella scorsa legislatura, consigliere comunale a Palermo nel quinquennio 2012-17 e consigliere provinciale tra il 2008 e il 2012. Inoltre, dal 2010 ha gestito la tesoreria del Partito regionale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin