Primi bambini italiani contagiati dal coronavirus. Morta turista friulana in Austria :ilSicilia.it

Altre vittime del Covid-19

Primi bambini italiani contagiati dal coronavirus. Morta turista friulana in Austria

26 Febbraio 2020

Ci sono i primi cinque bambini contagiati in Italia dal coronavirus. Si tratta di due bambine, una bimba di 4 anni, di Castiglione d’Adda e di un’altra di 8 anni, veneta. Contagiati dal virus anche due bambini di dieci anni e un adolescente di quindici.

La bimba di quattro anni potrebbe essere stata contagiata all’ospedale di Codogno, mentre l’altra è la nipote del primo paziente veneto affetto dal coronavirus. Le due bimbe presenterebbero condizioni tutto sommato buone. La prima ha qualche grado di febbre, mentre l’altra risulta asintomatica.

Intanto, è deceduta una turista italiana di 56 anni del Friuli Venezia Giulia che era in vacanza in Austria. La donna si trovava in un residence a Bad Kleinkirchheim. I medici le hanno effettuato il tampone e nel frattempo, il residence è stato chiuso e gli ospiti sono stati posti in momentaneo isolamento.

Positivi inoltre anche altri due minorenni: si tratta di un 17enne della Valtellina che frequenta un istituto di Codogno e successivamente anche un suo compagno di scuola della provincia di Sondrio.

AGGIORNAMENTO ORE 18,00

Il dato dei contagiati accertati in Italia è di quasi 400 persone. Sono 23 le province italiane in cui si sono registrati casi di coronavirus. Le regioni interessate sono dieci: Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Piemonte, Toscana, Trentino Alto Adige, Liguria, Sicilia, Marche, Lazio.

Diciotto carabinieri della Compagnia di Codogno, secondo quanto si è appreso, sono in isolamento domiciliare, in via precauzionale, dopo aver partecipato a una riunione conviviale con un loro collega in congedo, risultato positivo al virus. L’incontro tra colleghi era avvenuto lo scorso 17 febbraio e si era svolto in caserma. Non appena venuti a conoscenza della positività del carabiniere pensionato, i colleghi hanno segnalato il caso alle autorità competenti che ne hanno disposto l’isolamento.

AGGIORNAMENTO ORE 12,20

Salgono a 12 le vittime per il coronavirus in Italia.  L’ultima vittima è un uomo di 70 anni in Emilia-Romagna, cittadino lombardo, paziente con “importanti patologie pregresse”. Il nuovo dato è stato fornito dal Commissario straordinario Angelo Borrelli.

Sono 374 i contagiati in Italia dal coronavirus. Il nuovo dato aggiornato è stato fornito dal commissario straordinario Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa alla Protezione Civile. Il dato tiene conto delle 11 vittime accertate e del ricercatore guarito e dimesso dallo Spallanzani.

Ecco nel dettaglio il numero di casi per provincia:

LOMBARDIA: Lodi 128, Cremona 57, Pavia 27, Bergamo 20, Milano 8, Monza Brianza 4, Brescia 2, Sondrio 3, positivi in fase di ospedalizzazione/isolamento 9.
VENETO: Padova 40, Venezia 8, Treviso 2. In attesa di aggiornamento 21
EMILIA ROMAGNA: Piacenza 20, Parma 4, Modena 5, Rimini 1
PIEMONTE: Torino 3
TOSCANA: Firenze 1, Pistoia 1
TRENTINO ALTO ADIGE: Bolzano 1
LIGURIA: Savona 1, La Spezia 1
SICILIA: Palermo 3
MARCHE: Ancona 1
LAZIO: Roma 3

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona