Primo maggio: da Antonello da Messina a van Gogh, ecco le opere che celebrano i lavoratori :ilSicilia.it

le testimonianze nell'arte

Primo Maggio: da Antonello da Messina a van Gogh, ecco le opere che celebrano i lavoratori

di
1 Maggio 2020

Il primo maggio, Festa dei lavoratori, ricorrenza che viene celebrata in molti paesi, simbolo delle conquiste ottenute dai sindacati di settore, con raduni e attività varie, ha lasciato nei secoli testimonianze anche nel campo dell’arte.

Famosissimo è di sicuro il dipinto di Giuseppe Pellizza da Volpedo, il “Quarto stato“, datato 1901.

Quarto Stato
Quarto Stato

L’opera, custodita al Museo del Novecento a Milano, rappresenta il punto di arrivo dell’artista che con essa culmina il suo studio e le sue sperimentazioni sul tema del lavoro, con particolare attenzione alla rappresentazione degli scioperi.

Simbolo della società del XX secolo il “Quarto stato” segnò la storia anche perché rappresentò, nel campo dell’arte, per la prima volta, la nuova classe sociale del proletariato.

Ma il tema del lavoro ha sempre, nei diversi secoli, trovato espressione nell’arte.

San Girolamo nello studio
San Girolamo nello studio

Anche Antonello da Messina, fra gli altri, lo rappresentò nel dipinto “San Girolamo nello studio“, opera datata tra il 1474-75, custodita alla National Gallery di Londra.

Al centro del dipinto, realizzato dal pittore siciliano nei primi anni di soggiorno a Venezia per dimostrare ai futuri committenti le sue capacità, si trova san Girolamo, il padre della Chiesa che tradusse la Bibbia, intento alla lettura come un dotto umanista, dedito totalmente al “lavoro della mente“.

Nonostante le dimensioni ridotte il dipinto, un’olio su tavola di tiglio di 46×36 cm, con forti ispirazioni classiche e dettagli fiamminghi, genera, grazie all’architettura catalana dell’arco che realizza una grande finestra, un effetto monumentale.

Nel 1529 il dipinto venne catalogato presso una collezione di Venezia; nei primi documenti che lo riguardano fu attribuito a Antonello da Messina, a Jan van Eyck o a Hans Memling.

Giovan Battista Cavalcaselle, nel 1856, durante la compilazione del suo catalogo riguardante i primi maestri fiamminghi lo attribuì in modo sicuro al maestro siciliano, e nel 1894 venne acquistato dalla National Gallery.

I mangiatori di patate
I mangiatori di patate

Tra le altre opere di eco internazionale che rendono omaggio ai lavoratori non possiamo non citare “I mangiatori di patate” (1885) di Vincent Van Gogh, il dipinto più importante del suo periodo olandese custodito nel Museo Van Gogh di Amsterdam; “Lezione di anatomia del dottor Tulp” (1632) di Rembrandt, custodito al Mauritshuis dell’Aia; ed, infine, “Ozio e lavoro” (1863) del pittore napoletano Michele Cammarano.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.