Primo maggio e Festa dei Lavoratori: tour in giro per il mondo tra usanze e tradizioni :ilSicilia.it

Dalla Gran Bretagna alla Finlandia fino in Giappone

Primo maggio e Festa dei Lavoratori: tour in giro per il mondo tra usanze e tradizioni

di
1 Maggio 2022

Il Primo maggio fu istituito per la prima volta Festa Internazionale dei Lavoratori al Congresso Internazionale di Parigi del 1889 e da allora fu adottata da molti paesi nel mondo. Con gli anni ogni nazione ha fuso con tale ricorrenza le proprie usanze e tradizioni popolari.

In molti paesi tra cui Francia, Spagna e la stessa Italia il primo maggio, in modo molto più tradizionale, sfilano i sindacati nelle grandi città. Tra l’altro, come sappiamo, nella nostra penisola a caratterizzare questo giorno è sicuramente il ‘concertone’ che dal 1990 si tiene a Roma, in Piazza San Giovanni, organizzato dalle sigle sindacali in collaborazione con il Comune. Alcuni paesi hanno fuso le celebrazioni con quelle per l’arrivo della primavera, ad esempio come in Grecia e Germania. Ma la Festa del Lavoratori non dappertutto coincide con il primo giorno di maggio: in Svizzera dipende dai Cantoni, in Australia dagli Stati e dai Territori, negli Stati Uniti e in Canada si celebra il primo lunedì di settembre mentre in Nuova Zelanda ad ottobre.

Ecco nel dettaglio alcune delle celebrazioni più originali e particolari:

In Gran Bretagna la festa dei lavoratori non ha una data fissa e viene celebrata nel ‘May Day’ che coincide con il primo lunedì di maggio. Durante questa giornata vengono ricordate le numerose lotte che hanno portato alle grandi conquiste contrattuali e sociali per i diritti e la dignità dei lavoratori. Le origini del ‘May Day’ sono antiche e risalirebbero al periodo medievale. Secondo la tradizione anglosassone tutti i contadini inglesi, in questo periodo dell’anno, si riunivano nelle piazze dei loro villaggi per celebrare con danze e canti popolari il periodo della fertilità della terra ed il lavoro abbondante. I balli si svolgevano intorno al tradizionale ‘palo di maggio’, che veniva alzato al centro della piazza. Questa usanza è conosciuta con il nome di ‘Maypole dance’. Secondo la tradizione, si organizzavano anche delle sfilate con striscioni e carri decorati dove la bambina la più bella, tra le partecipanti al corteo, viene eletta la ‘Regina di maggio’ e incoronata con una corona di fiori. Il ‘May Queen’ è un tripudio di festa e di colori animato da numerosi danzatori vestiti con costumi tradizionali che ballano un famoso ballo popolare inglese, il ‘Morris Dance’. Tra fiori, ghirlande, canti, danze e sfilate i primi giorni di maggio rappresentano per gli inglesi uno stop alla ruotine della vita lavorativa e poter così festeggiare l’arrivo della primavera.

Il primo maggio in Finlandia coincide con la festa più sentita nel paese, il ‘Vappu’. I festeggiamenti si protraggono non-stop per 48 ore: cominciano il 30 di aprile, in corrispondenza con la ‘Notte di Valpura’, da cui deriva il nome, e continua il primo maggio, Festa del Lavoro e della festa di primavera, in quanto l’inizio della nuova stagione rappresenta la fine del lungo inverno e l’arrivo delle giornate illuminate da tante ore di sole. Al centro della ricorrenza sono gli studenti, veri protagonisti, in quanto il 30 aprile coincide con la fine delle lezioni e orde di ex e nuovi studenti si riuniscono nelle strade per festeggiare l’evento. Tutti indossano il ‘lakki’, il cappello bianco con visierina nera tipico di chi si è diplomato al liceo (lukio). L’usanza vuole che in ogni città finlandese gli studenti di un’università diversa si riuniscano attorno alla statua più rappresentativa della città per lavarla e decorarla con il lakki. È il segnale che inaugura l’inizio del Vappu e apre i festeggiamenti nelle strade e nei locali. Durante il Primo Maggio solitamente ci si riunisce con amici e familiari e si celebra la festa con grandi picnic. Ogni paese finlandese ha le proprie tradizioni ma il ‘Vappu’ più famoso e grandioso è quello di Helsinki.

Il primo maggio pur essendo riconosciuta come la festa del lavoro in Giappone, non è riconosciuta come festa nazionale ma rientra comunque nel periodo più importante dell’anno per il paese nipponico, la ‘Golden week’ che va dal 29 aprile al 5 maggio, nel quale si susseguono 4 festività in 7 giorni. La settimana d’oro si apre il 29 Aprile con lo ‘Showa no Hi’, una grande festa commemorativa in onore dell’Imperatore. Il 3 maggio è la festa della Costituzione, in cui si celebra l’anniversario della promulgazione di quest’ultima nel 1947. Il 4 maggio è la Festa del Verde, un tripudio di fiori, piazze allestite, parchi e giardini che si vestono a festa per onorare la Primavera, simbolo della rinascita. Il 5 maggio è la giornata dedicata ai bambini. La tradizione vuole che nelle case si metta in bella vista l’armatura da Samurai, simbolo nazionale della protezione ai bambini, e si appendano carpe di cartapesta che simboleggiano la forza e la vitalità poiché esse risalgono i fiumi controcorrente. Inoltre ai bambini viene fatto il bagno con fiori di Iris e gli si offre per colazione un dolce tipico e particolare, il ‘Kashiwa Mochi’.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.