23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42
Palermo

La società rosanero non ci sta a subire sul problema convocazioni in Nazionale e scrive all'Uefa

Problema nazionali il Palermo scrive all’UEFA. La lettera

25 Agosto 2017

8 convocati in Nazionale ed il Palermo non demorde e su questo problema ha ritrovato anche l’unità anche con la tifoseria organizzata che è scesa in campo con una sua lettera alla Lega e visto che qua in Italia si fa orecchio da mercante ha deciso di alzare il tiro ed ha inviato una lettera all’Uefa pregandola di intervenire.

Ricordiamo che i giocatori convocati erano già in rosa nel Palermo lo scorso anno per chi ha cercato di speculare dicendo che il Palermo avrebbe potuto evitare di comprarli e comprarne solo italiani dimostrando fra l’altro che molto probabilmente non hanno mai seguito il Palermo .Giusto per precisare e dire come sempre cose esatte.

E per capire come vanno le cose a chi dice che al Palermo non spetta niente ricordiamo che  2006 per consentire alla Juventus di non venir penalizzata per il fatto di avere, come oggi il Palermo,  in rosa molti nazionali, la Serie B mise una regola che prevedeva la possibilità del rinvio della partita nel caso in cui un club avesse più di due giocatori indisponibili a squadra per via delle convocazioni in Nazionale.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.