Processo firme false M5S, le motivazioni: "Compromessa la regolarità delle elezioni a Palermo" :ilSicilia.it

Dopo le condanne

Processo firme false M5S, le motivazioni: “Compromessa la regolarità delle elezioni a Palermo”

di
10 Luglio 2020

La falsificazione di almeno 1.175 firme a sostegno della lista del Movimento 5 stelle alle elezioni comunali di Palermo del 2012, compromise la regolarità delle consultazioni, dato che consentì a un candidato sindaco come Riccardo Nuti e alla sua lista, pur non avendone titolo, di prendere parte alla competizione elettorale. Lo scrive, nelle 97 pagine con cui spiega la propria decisione, il giudice monocratico della quinta sezione del tribunale di Palermo Salvatore Fausto Flaccovio, che il 10 gennaio condannò 12 ex deputati nazionali e regionali pentastellati, attivisti e simpatizzanti, più un avvocato e un cancelliere che autenticò le sottoscrizioni senza avere assistito, come avrebbe dovuto, alla materiale apposizione da parte degli elettori.

Nella motivazione, depositata nelle scorse settimane, il giudice, che ha accolto le richieste del pm Claudia Ferrari, riconosce la bontà della collaborazione di Claudia La Rocca, ex deputato regionale del M5S, che, assieme ad altri imputati, ha dato un contributo alle indagini. Il giudice scrive che l’ex parlamentare nazionale Nuti probabilmente non partecipò “alla materiale contraffazione delle firme, ma prese parte alla decisione di commettere il reato, determinando o rafforzando il proposito criminoso degli altri, al fine di evitare una possibile esclusione della sua candidatura”.

Nella notte tra il 2 e il 3 aprile 2012, per rimediare a un errore nella compilazione della lista, fu decisa la ricopiatura delle firme raccolte. Un sistema che, secondo il tribunale, “si è tradotto in un artificio idoneo a inficiare nel suo complesso la regolarità delle operazioni di voto”. Ancora, il giudice esclude che vi siano stati intenti calunniatori e ricorda che la consulenza del pubblico ministero ha espresso un “giudizio di compatibilità” con la grafia di alcuni imputati che avrebbero ricopiato le firme. Escluso anche il complotto: l’ipotesi di un “pretesto per danneggiare politicamente lo stesso Nuti e gli attivisti del movimento che gli erano più vicini” non regge perché i primi anonimi risalgono “al 2013, in epoca anteriore al sorgere di tale lotta politica”.

Le condanne per Nuti e per le altre ex deputate nazionali Giulia Di Vita e Claudia Mannino, degli attivisti Samantha Busalacchi, Tony Ferrara, Alice Pantaleone e Stefano Paradiso, furono di un anno e dieci mesi a testa, mentre un anno lo hanno avuto La Rocca, Giorgio Ciaccio e Giuseppe Ippolito, che hanno dato un contributo all’accertamento della verità. Un anno e sei mesi infine all’avvocato Francesco Menallo e al cancelliere Giovanni Scarpello. Il processo è comunque già prescritto, a meno che gli imputati non rinuncino alla prescrizione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.