Processo 'Matassa' a Messina, assolti Genovese e Rinaldi| LA SENTENZA :ilSicilia.it

il fatto

Processo ‘Matassa’ a Messina, assolti Genovese e Rinaldi| LA SENTENZA

di
18 Giugno 2021

La corte di Appello di Messina ha inflitto 22 condanne e 16 tra assoluzioni e prescrizioni nel processo nato nell’inchiesta “Matassa” sulle commistioni tra mafia, politica e criminalità organizzata con al centro tre campagne elettorali tra il 2012 e il 2013. Assoluzioni dall’accusa di associazione a delinquere per gli ex parlamentari Francantonio Genovese e Franco Rinaldi e per gli ex consiglieri comunali Paolo David e Giuseppe Capurro. Per loro sono stati dichiarati prescritti tutti i reati elettorali.

SCARICA LA SENTENZA

Assoluzioni e prescrizioni anche per Rocco Richici, Giuseppe Picarella, Baldassarre Giunti, Paola Guerrera, Gaetano Freni, Francesco Zuccarello, Lorenzo Papale, Antonino Lombardo e Pietro Santapaola. Condanne invece per gli esponenti delle associazioni mafiose.

In alcuni casi i giudici hanno poi riqualificato dei reati, giudicandoli meno gravi di quanto aveva fatto in primo grado escludendo le aggravanti mafiose e quelle legate all’associazione per molti episodi contestati In primo grado 39 condanne, 6 assoluzioni totali e 2 dichiarazioni di prescrizione.

l’inchiesta su Genovese, Rinaldi, David e Capurro riguarda le campagne elettorali per regionali del 2012, le politiche del 2013 e le amministrative per il rinnovo del consiglio comunale del giugno 2013. Secondo l’accusa i voti venivano comprati con pacchi di pasta, scatole di riso, biglietti da cinquanta euro, buoni-benzina, assunzioni trimestrali in cliniche private convenzionate con la Regione. Per l’accusa tuttavia tutti i reati elettorali erano da considerarsi prescritti, e poi c’era il “nodo intercettazioni”, ovvero la loro eventuale utilizzabilità o meno secondo le ultime sentenze della Cassazione.

Condannati i boss Carmelo Ventura a 13 anni; Antonio Chillé, 1 anno e 6 mesi; Andrea De Francesco, 7 anni; Lorenzo Guarnera, Salvatore Mangano, Adelfio Perticari, Giuseppe Cambria Scimone, Domenico Trentin, Giovanni Ventura e Salvatore Pulio, Fortunato Cirillo a 10 anni; Francesco Comande’, 6 anni a 10 mesi; Gaetano Nostro, 16 anni e 6 mesi; Raimondo Messina, 22 anni; Giovanni Celona, 11 anni e 10 mesi; Francesco Celona, 4 anni e 6 mesi; Francesco Foti, 7 anni; Giuseppe Pernicone, 7 anni e 4 mesi; Luca Siracusano e Francesco Tamburella, 7 anni e 6 mesi. Vincenza Celona, Massimiliano Milo E Rocco Milo a 3 anni e 6 mesi; Gaetano Nostro, 16 anni e sei mesi; Concetta Terranova, 1 anno e 10 mesi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin