Processo trattativa Stato-mafia: "Riina è perfettamente lucido" :ilSicilia.it
Palermo

Al processo arrivano nuove intercettazioni rilevanti sul boss Graviano

Processo trattativa Stato-mafia: “Riina è perfettamente lucido”. E arrivano nuove prove e intercettazioni

di
9 Giugno 2017

Riina - Lorusso

Anche all’udienza odierna del processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, come era accaduto ieri, il boss Salvatore Riina partecipa in videoconferenza dalla saletta del carcere di Parma.

Nei giorni scorsi la Cassazione aveva chiesto al tribunale di sorveglianza di Bologna di motivare nuovamente il diniego al differimento dell’esecuzione della pena chiesto, per motivi di salute, dal legale del capomafia. Riina che è da mesi ricoverato nel reparto detenuti dell’ospedale di Parma assiste all’udienza steso su una barella.

 

Riina è perfettamente lucido e orientato nel contesto. Abbiamo depositato in segreteria la relazione di servizio di un agente penitenziario su alcune esternazioni in carcere del boss. In concomitanza dell’ udienza del 30 marzo scorso del processo sulla trattativa Stato-mafia Riina ha parlato dei rapporti tra Ciancimino e Licio Gelli, dei suoi rapporti con Provenzano e della morte dell’ex vice del Dap, Francesco Di Maggio”. Lo ha detto all’udienza del dibattimento sulla trattativa Stato-mafia, il pm Nino Di Matteo.

Di Matteo ha chiesto alla corte che celebra il processo di sentire l’agente della polizia penitenziaria che ha ascoltato le parole di Riina e le ha riportate in una relazione di servizio. Il pm ha anche chiesto un confronto tra gli ex ministri Paolo Cirino Pomicino, Vincenzo Scotti e Giuliano Amato.

di matteo riina lorusso
Foto: Antimafia Duemila

E intanto i pm di Palermo titolari dell’accusa al processo sulla trattativa Stato-mafia hanno depositato una corposa attività integrativa di indagine: si tratta delle intercettazioni ambientali effettuate in carcere tra il boss Giuseppe Graviano e il codetenuto Umberto Adinolfi. Da febbraio del 2016 ad aprile del 2017 Graviano è stato ascoltato dalle microspie. Per i pm le intercettazioni sono rilevanti ai fini del processo. La Procura ha anche chiesto di citare a deporre lo stesso Graviano.

 

“Se decidesse di parlare, allora, e se cominciasse a collaborare seriamente con la giustizia, si potrebbe rivedere anche la sua situazione detentiva e il suo 41bis. Ma non so se lo farà”. Lo ha detto il procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, oggi a margine di un incontro sul notariato rispondendo ad una domanda su quanto detto su Riina dal presidente del Senato Pietro Grasso secondo il quale la posizione del boss mafioso potrebbe essere alleggerita se facesse i nomi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.