Producono e vendono carburante di contrabbando: 13 indagati nel Nisseno :ilSicilia.it
Caltanissetta

con collegamenti all'estero

Producono e vendono carburante di contrabbando: 13 indagati nel Nisseno

di
14 Ottobre 2020

I militari del gruppo di Gela della Guardia di Finanza e personale appartenente al gruppo operativo regionale antifrode dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli stanno eseguendo un’ordinanza di misure cautelari personali, emessa dal Gip di Gela, nei confronti di 4 persone accusate, insieme ad altre 9, di aver costituito “un’associazione a delinquere, con base operativa a Gela e ramificata su tutto il territorio isolano, finalizzata al contrabbando e alla miscelazione abusiva di prodotti energetici“.

I militari stanno eseguendo anche il sequestro preventivo diretto di tre società di Misterbianco (CT), Augusta (SR) e Gela (CL). I dettagli dell’operazione saranno resi noti in una conferenza stampa prevista per le ore 11 in Procura a Gela.

Tre persone sono ai domiciliari e una ha l’obbligo di presentazione alla P.G. e obbligo di dimora. I 13 indagati, tra imprenditori, dipendenti delle società o fidati auto-trasportatori, con base operativa in Sicilia e collegamenti esteri sia in Slovenia che in Croazia, hanno messo – dice l’accusa – “in atto un collaudato meccanismo di frode, tanto semplice quanto redditizio, che ha permesso rapidi guadagni in tempi relativamente brevi a danno della parte commerciale sana del settore, nonché degli automobilisti in genere“.

Il provvedimento odierno deriva da un’indagine avviata nell’estate 2018, quando furono sequestrate cinque autocisterne utilizzate per trasportare il prodotto miscelato presso distributori compiacenti, un intero deposito di carburanti nella zona di Contrada Manfria a Gela (CL), nonché 111.000 litri di prodotto petrolifero adulterato. Contestualmente vennero arrestate 4 persone, tutti responsabili di miscelazione abusiva di gasolio con diluenti impiegati ordinariamente nella produzione di vernice e che, alla luce del risultato dagli esami chimici effettuati dal laboratorio mobile dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, risultarono essere un additivo simil-solvente denominato “Platformat“.

++AGGIORNAMENTO++

Gli indagati oggi ai domiciliari su ordine del gip del tribunale di Gela sono Damiano Sciuto, di 31 anni, di Catania, ritenuto la mente dell’organizzazione, Daniele Borchio, di 53 anni, suo braccio destro, originario di Caltagirone ma residente a Gela e Alessandro Caldarera, di 51 anni, titolare del sito di stoccaggio e organizzatore dei trasporti internazionali. A questi si aggiungono altri 10 indagati, 9 dei quali denunciati a piede libero e uno con obbligo di firma.

Il gasolio già di scarsa qualità giungeva dai Balcani passando il confine senza pagare le accise di importazione ma con l’impegno di versare il dovuto insieme con l’Iva una volta arrivato a destinazione, cioè ad Augusta. Le autobotti invece andavano a Gela dove avveniva la sofisticazione del carburante.

L’evasione accertata è di quasi mezzo milione di euro. Tre le aziende paravento dietro cui agiva l’organizzazione: la Lubricarbo srl di Gela, la Union srl e la Gisa srl. Sono finite tutte sotto sequestro preventivo su richiesta dei pm Ubaldo Leo e Luigi Lo Valvo coordinati dal procuratore Fernando Asaro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin