Profughi siriani: Donato (LEGA), l'Unione Europea ricattata da Erdogan :ilSicilia.it

per la restituzione di sei miliardi

Profughi siriani: Donato (LEGA), l’Unione Europea ricattata da Erdogan

di
1 Marzo 2020

È inaccettabile che la UE, dopo aver dato alla Turchia di Erdogan ben 6 miliardi di euro per gestire i profughi provenienti dalla Siria adesso si comporti come Ponzio Pilato, lavandosene le mani e tacendo su quanto sta accadendo ai confini della stessa Turchia. Un vero e proprio atto di genuflessione nei confronti di Ankara che, oltre ad aver agito in violazione del diritto internazionale, attaccando la Siria, adesso si permette anche di ricattare la stessa Unione Europea, decidendo di aprire le proprie frontiere agli stessi profughi che erano stati accolti nel territorio turco e che là vivevano”.

È quanto afferma l’europarlamentare della Lega, Francesca Donato che stigmatizza la posizione dell’Unione Europea sulla decisione di Erdogan di aprire i propri confini ai profughi siriani.

Apprendiamo, anche, la brutta notizia relativa ai diversi scontri che sarebbero avvenuti, in queste ore, proprio vicino alla frontiera della Grecia che ha già chiuso i confini dove erano diretti 4000 profughi di guerra siriani. Inoltre, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, sarebbero già in attesa tredicimila persone, a cui si sono anche aggiunti afghani e iracheni, pronti a superare i confini. Una vera follia che si aggiunge alla dichiarazione fatta da Omer Celik, portavoce del Partito al potere Akp, che ha parlato di ‘oltre 3,6 milioni di profughi presenti nel territorio turco’ e ribadendo di ‘non avere più la capacità di contenerli’. Se così fosse ci ritroveremmo davvero davanti ad un flusso migratorio di proporzioni epocali con il rischio per l’Europa di non essere in grado di gestire un tale evento”.

Ma vorrei sapere, anche, dove sono oggi tutti quegli ‘europeisti’ paladini dei diritti umani sempre a fianco delle ONG – continua l’europarlamentare Donato – che, come all’improvviso, sembrano essersi volatilizzati davanti alle violenze e alle porte chiuse verso i Siriani. Me li ricordo, invece, molto presenti nei confronti dell’ex ministro dell’interno accusato di razzismo e disumanità e ‘colpevole’, secondo loro, di aver rallentato e controllato l’ingresso di clandestini dall’Africa. Come dire: due pesi e due misure”.

Infine, la Donato ha annunciato la presentazione di un’interrogazione, di cui è firmataria, da parte di tutti i parlamentari europei della Lega sulla situazione siriano-turca e sul movimento migratorio dalla Siria.

In particolare nel testo viene chiesto “l’azzeramento del contributo finanziario versato dall’Unione Europea alla Turchia, oltre alla richiesta di restituzione dei 6 miliardi, per il mancato rispetto degli accordi sulla gestione dei migranti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin