Profumo di primavera con la "Sagra delle Arance" di Scillato | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Domenica 15 aprile

Profumo di primavera con la “Sagra delle Arance” di Scillato

13 Aprile 2018

La vostra Patti Holmes desiderosa di succose arance, di cui la nostra Sicilia è ricca, vi fa immergere in una Sagra che magnifica questo frutto che, avendo proprietà antiossidanti, contrasta l’invecchiamento cellulare; contribuisce a rendere più forte il sistema immunitario, attivare il metabolismo e, grandissima virtù, ha sole 35/40 calorie per etto. Oggi, al centro del nostro articolo e della nostra tavola, “l’arancia biondo” di Scillato, a cui il piccolo comune della provincia di Palermo, a 60 km dal capoluogo, definito villa giardino e porta del Parco delle Madonie, dedica una gioiosa Sagra.

Le origini di Scillato, che sorge in una zona ricca di sorgenti, ai piedi del Monte dei Cervi, del Monte Fanusi e del Cozzo di Castellazzo. secondo alcuni, sarebbero legate proprio all’abbondanza d’acqua, che venne sfruttata per la realizzazione di numerosi mulini, intorno ai quali si andò sviluppando il centro abitato; secondo altri, invece, Scillato, fondata da una colonia di Ateniesi, fu chiamata “Scillezia” o “Scilluzia”, dal nome della Dea Minerva ai tempi della dominazione greca-romana.

Dopo questo piccolo excursus sulle origini di questo delizioso paesini, andiamo a domenica 15 Aprile e alla XXIII edizione della Sagra delle Arance di Scillato, tradizionale appuntamento di primavera nato per promuovere il prodotto tipico locale, l’arancia biondo, chiamata “ombelicata”, poiché nella parte inferiore del frutto è presente una particolare formazione che ricorda un ombelico, in cui si distinguono i generi Washington Navel, Nareline e Navelate e che rientra nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali (PAT), stilato dal ministero delle politiche agricole e forestali (Mipaaf).

Molto amato pure il cosiddetto “sanguinello”, una varietà che si caratterizza per la sua polpa di colore rosso, preferita soprattutto per le spremute. Durante la Sagra, a fare da cornice, troverete la mostra fotografica “IL guardiano del silenzio” di Filippo Barbaria, la mostra di pittura dell’artista Giusy Siragusa, la mostra “Ritratti a Matina” di Salvatore Balsamo e artisti di strada lungo le vie del paese. Un bel modo per trascorrere la vostra domenica nel parco delle Madonie, di cui  Scillato fa parte, e conoscere le bellezze naturali di questo borgo medioevale con i suoi quattordici mulini disseminati nel suo territorio e alle sorgenti che li fanno funzionare.

Programma

Domenica 15 aprile

Alle 9 – Viale Colonnello Lima

Inizio visite guidate alle sorgenti, museo dell’acqua, mulini storici e al Santuario Maria SS della Catena

Alle 11

Sfilata gruppo folk Gazara per le vie del paese

Alle 15.30 – Parco Urbano

Incontro-dibattito sul tema “L’imprenditoria giovanile nelle aree svantaggiate del Mezzogiorno” a cura dell’Associazione Pro Scillato

Alle 17.00 – Parco Urbano

Apertura Parco Gastronomico con degustazione di arance

Alle 17.30 – Parco Urbano

Spettacolo gruppo folk Gazara.

Respirando Primavera, auguro buona salute a tutti.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.