Progetto F.A.C.E., a Palermo vince l'sperimento della social community su Facebook :ilSicilia.it

i risultati

Progetto F.A.C.E., a Palermo vince l’sperimento della social community su Facebook

di
7 Agosto 2020

L’educazione di qualità e la scuola come centro della comunità sono l’antidoto per la povertà educativa, contro la solitudine delle periferie e per affrontare esperienze come il lockdown.

È quanto emerge dal progetto nazionale FA.C.E – Farsi Comunità educanti, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo di contrasto alla povertà educativa, giunto al secondo anno di età. Il progetto è affidato alla capofila Fondazione Reggio Children – Centro Loris Malaguzzi, che porta con sé l’esperienza educativa di Reggio Emilia.

Partendo da servizi integrativi per nidi e scuole d’infanzia, FA.C.E. coinvolge dal 2018 quattro contesti difficili sul territorio nazionale a Napoli, Palermo, Reggio Emilia e Teramo per costruire, grazie ad una educazione di qualità, luoghi, reti e legami che rafforzino le comunità. Oltre 2 mila i partecipanti e ora si sta lavorando per la ripartenza in autunno.

A Palermo, il progetto ha operato nel quartiere Sperone-Brancaccio, territorio ad altà dispersione scolastica, all’interno dell’istituto comprensivo “Sperone-Pertini”, vittima di tre raid durante i mesi del lockdown.

«Il progetto FA.C.E., anche in mesi difficili, segnati dal lockdown e da tre raid contro l’I.C.S. Sperone-Pertini (la cui interpretazione è al vaglio degli inquirenti) – dice la dirigente scolastica Antonella Di Bartolo, coordinatrice territoriale del progetto “FA.C.E.” –  ha contribuito a rinsaldare il legame di fiducia con le famiglie e il quartiere. A due anni dall’inizio del progetto, il bilancio è del tutto positivo e ci proietta con slancio verso la terza annualità e soprattutto ci induce a pensare alla sostenibilità futura».

«La scuola non si è mai fermata, superando i momenti bui, e riaffermandosi come bene comune, come luogo di dialogo e di partecipazione e come servizio al territorio – continua Di Bartolo – al centro della comunità educante che costruiamo tutti insieme, giorno dopo giorno, ci sono i bambini e le bambine: a partire dai loro saperi, dai loro vissuti e dai loro immaginari, e insieme a loro, diamo senso, significato e orientamento al nostro presente e al nostro futuro».

A Palermo continua la Social Community su Facebook “Ben-Essere di Comunità” per genitori, bambini e insegnanti: oltre 100 i genitori e i professionisti iscritti

 

I legami nati nei primi due anni hanno dimostrato di essere saldi e di reggere e superare la prova del lockdown. Le attività si sono trasferite on line, proponendosi in diverse modalità e diventando punti di contatto importanti per i genitori, che hanno trovato supporto anche riguardo i temi della pandemia, potendo consultare on line gli esperti legati ai progetti. Soprattutto per le famiglie è stato importante poter mantenere i contatti con il personale scolastico, i pediatri, gli psicologi, le ostetriche e gli esperti, oltre ad essere sostenuti nella quarantena con i bambini di una fascia d’età così delicata come lo 0-6.

In particolare a Palermo, durante il lockdown l’I.C.S. Sperone Pertini ha riorganizzato il gruppo chiuso su Facebook Ben-essere di Comunità in una Social Community in grado di fornire gratuitamente consigli e informazioni alle famiglie del territorio. Con la disponibilità di professionisti in ambito psico-sociale, educativo e sanitario, le famiglie hanno potuto contare su un aiuto competente e una rete informativa diffusa e aggiornata. La Social Community, seguita con successo da oltre cento genitori, sta proseguendo la sua attività.

 

«La parola chiave è ‘fiducia’ – commenta la presidente di Fondazione Reggio Children Carla Rinaldi – In questi due anni sono state costruite relazioni di fiducia tra bambini, genitori, famiglie, nidi e scuole d’infanzia, istituzioni, territori. Così ci si educa insieme e la scuola diventa un riferimento per la comunità. Queste relazioni hanno permesso di affrontare meglio anche il lockdown e continueranno a crescere in futuro».

La ricchezza educativa: qualità, non quantità

Il progetto “FA.C.E. – Farsi comunità educanti” è stato selezionato dall’impresa sociale “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile nato da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo, con l’obiettivo di ampliare i servizi educativi e di cura per la fascia 0-6, nonché contribuire a una ridefinizione delle politiche educative e alla costruzione di una comunità educante.

 «Cos’è la povertà educativa? – spiega Carla Rinaldi –  Certo la mancanza di istruzione scolastica, spesso connessa a un disagio sociale ed economico, ma non è tutto qui. Cosa è la ricchezza educativa? Certo non solo la disponibilità di beni e di tecnologia. La ricchezza educativa non è quantità, è l’educazione di qualità. Quella che, con la scuola, coinvolge famiglia, istituzioni, società civile. L’educazione di qualità è aiutare le persone a costruire il senso della vita in relazione agli altri, in reciprocità e interdipendenza. A diventare responsabili di queste relazioni, averne cura, svilupparle in direzioni costruite insieme».

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.