Pronta una legge all'Ars contro il randagismo: "Il Dna degli animali per risalire ai proprietari" :ilSicilia.it

il testo ora in commissione

Pronta una legge all’Ars contro il randagismo: “Il Dna degli animali per risalire ai proprietari”

di
6 Agosto 2018

Un disegno di legge per la prevenzione del randagismo: a darne notizia è il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè. I proprietari dei cani sarebbero così obbligati a fornire il Dna dei propri animali oppure, in alternativa, a sterilizzarli”.

“In questo modo – aggiunge il presidente dell’Assemblea regionale siciliana – in caso di abbandono, con la prova del Dna sarà possibile risalire al proprietario. Siamo i primi in Italia ad avere presentato un ddl di questo tipo. Istituiremo anche una Banca regionale del Dna canino per il controllo del randagismo in Sicilia”.

Con Miccichè erano presenti anche i consulenti Giovanni Giacobbe e Giovanni Scala.

Il ddl sarà esaminato adesso dalla commissione Sanità e poi sarà la volta dell’Aula”, aggiunge Miccichè che poi precisa: “Non c’e’ un primo firmatario. Il primo firmatario è il buon senso. Questa legge comporterà un cambio culturale”. 

Il testo della norma prevede multe che vanno da un minimo di 150 euro a un massimo di 60 mila euro per i proprietari dei cani che non comunicheranno il Dna dei propri animali. Il ricavato sarà devoluto ai Comuni, con l’obbligo di destinare le somme alla lotta al randagismo. Previsto anche il divieto di detenzione di animali per chi viola le prescrizioni della legge.

Al compimento di un anno dell’animale – spiega Scala – il proprietario avrà due alternative: o lo sterilizzerà o ne registrerà il Dna“.

randagioL’obiettivo è risolvere il problema alla radice ed evitare che si verifichino altre stragi come quella di Sciacca del febbraio scorso, quando furono avvelenati più di trenta cani o casi come quello di pochi giorni fa del bambino di Bagheria morso al volto da un randagio.

Oltre ai microchip previsti dalle vecchie norme, che consentono di avere il controllo di ogni randagio, tramite la mappatura genetica adesso si potrà risalire ai proprietari trasgressori e addirittura individuare i genitori del cane abbandonato.

L’articolo 4 del ddl prevede l’obbligo per chi possiede cani non sterilizzati di consegnare o spedire alla Banca del genoma, istituita presso l’Istituto Zooprofilattico sperimentale della Sicilia, un campione biologico (una goccia di sangue, un tampone della mucosa gengivale o qualche pelo) entro un anno dalla nascita dell’animale o entro 30 giorni dal possesso, nel caso in cui l’animale non fosse registrato. Inoltre, i Comuni potranno avviare campagne straordinarie di sterilizzazione con i proventi derivanti dalle eventuali multe.

Altra figura di rilievo prevista è quella del Garante regionale dei diritti degli animali. Nominato dal presidente della Regione tra esperti del settore, il Garante durerà in carica 5 anni, vigilerà sull’applicazione della normativa regionale, nazionale ed europea e denuncerà all’autoritaà giudiziaria eventuali reati contro gli animali.

I Comuni provvederanno alla cattura dei randagi ed, entro febbraio di ogni anno, dovranno predisporre, insieme con le Asp, un piano di controllo delle nascite, oltre a programmare campagne straordinarie di sterilizzazione dei cani.  Sempre secondo la proposta di legge, i proprietari dei cani appartenenti a razze più aggressive dovranno prendere un patentino.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin