Proroga per i precari degli enti locali, governo trasferisce 50 milioni, ok della Commissione Bilancio :ilSicilia.it

la norma

Proroga per i precari degli enti locali, governo trasferisce 50 milioni, ok della Commissione Bilancio

di
11 Dicembre 2019

Riccardo Savona, presidente della II commissione bilancio e programmazione dell’Ars, dà notizia che la proroga al dicembre 2020 della stabilizzazione dei precari degli enti locali siciliani è stata votata all’unanimità da parte di tutti i componenti.

Adesso – spiega – ci sarà l’ultimo passaggio in Aula, rimane obiettivo prioritario da parte del governo regionale e del parlamento siciliano definire una volta per tutte la stabilizzazione del precariato nell’Isola“.

A oggi – aggiunge – la stabilizzazione riguarda 4.305 dipendenti su 11.388 totali. Grazie al contributo del fondo straordinario pluriennale della Regione, che si concluderà nel 2038, si potrà mettere la parola fine alla stagione del precariato nei comuni siciliani”.

La prima soluzione per garantire i lavoratori di questi comuni passa inevitabilmente dall’approvazione nel Decreto Milleproroghe nella finanziaria nazionale con la proroga di questo personale al 31 dicembre 2020.

E’ un tema spinoso che deve essere portato a termine perché è chiaro che anche il personale precario dei comuni in dissesto e in pre-dissesto meritano la stabilizzazione, tra l’altro con la storicizzazione della spesa c’è un percorso tracciato,però è chiaro che il percorso deve seguire un iter con il governo nazionale per avere una piena legittimazione normativa per chiudere finalmente questa pagina di precariato – aveva detto ieri il presidente Savona incontrando i sindaci –  il tema dei precari degli enti locali in dissesto è assolutamente attenzionato, e c’è da parte del governo siciliano e dei gruppi parlamentari bipartisan di lavorare per seguire tutte le strade possibili per definire positivamente questo percorso per garantire anche al personale precario e in sovrannumero una giusta soluzione alla problematica in corso, tant’è vero che già la prima I° °commissione parlamentare ha dato l’ok alla proroga dei precari degli enti locali fino a dicembre 2020 e la II° commissione bilancio e programmazione è pronta a dare parere favorevole a tutta questa platea di lavoratori”.

Intanto questa mattina si è appreso che gli assessori regionali della Funzione Pubblica , Bernerdette Grasso, e del
Lavoro, Antonio Scavone, hanno firmato il decreto con cui vengono trasferite, agli enti locali isolani, le somme necessarie per il pagamento del personale precario già stabilizzato e quello ancora da stabilizzare.

Si tratta della quarta trimestralità del fondo straordinario che serve per garantire ai comuni, alle ex province e alle unioni di comuni- hanno affermato Grasso e Scavone- le risorse necessarie per il pagamento del personale precario. In particolare, nei prossimi giorni verranno trasferiti 49,4 milioni di euro a saldo dei 172 milioni assegnati per l’intero 2019”.

Ad oggi sono 158 gli enti locali che hanno proceduto alla stabilizzazione di 4305 dipendenti su un totale di 11.388.

Il processo di stabilizzazione del personale precario in Sicilia è destinato a crescere ulteriormente –continuano gli assessori– visto che il contributo relativo al fondo straordinario è pluriennale ed è previsto che venga erogato fino al 2038”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.