Prostituzione e riti juju: A Catania condannati 11 nigeriani :ilSicilia.it
Catania

La sentenza

Prostituzione e riti juju: A Catania condannati 11 nigeriani

di
14 Ottobre 2021

Centotrentasei anni di reclusione per undici imputati, tutti nigeriani, con pene comprese tra sei e venti anni ciascuno. E’ la sentenza del processo celebrato col rito immediato a poco più di un anno dall’esecuzione dell’operazione ‘Promise land’ della squadra mobile di Catania contro una banda che, secondo l’accusa, gestiva di una tratta internazionale di giovani donne e ragazze, loro connazionali, da ridurre in schiavitù e fare prostituire.

La condanna maggiore, a 20 anni di reclusione, è stata comminata a Osazee Obaswon, 34 anni, detto Ozes, ritenuto il capo dell’organizzazione. Gli arresti furono eseguiti in Sicilia, Piemonte e Veneto, il 12 giugno del 2020, durante una operazione della Squadra Mobile di Catania nei confronti di un network criminale transnazionale, con cellule operative in Nigeria, Italia, Libia ed altri Paesi europei, specializzato nel traffico di esseri umani. La polizia, coordinata dalla Procura distrettuale di Catania, grazie alla collaborazione di una vittima è riuscita a far luce su una rete che faceva arrivare dalla Nigeria giovani donne, anche minorenni, da avviare alla prostituzione in Italia e all’estero.

Quindici le vittime accertate, che nelle conversazioni degli indagati erano ”macchine”. Grazie alla collaborazione di una di esse, una minorenne giunta a Catania il 7 aprile del 2017 insieme ad altri 433 migranti con la nave Aquarius Di Sos Mediterraneè e, gli investigatori sono riusciti a ricostruire l’attività del gruppo, che in otto mesi, periodo di durata delle indagini, avrebbe movimentato un milione e 200 mila euro attraverso carte di credito Postepay, tutto denaro proveniente dall’attività di prostituzione alla quale le vittime venivano avviate dopo essere state fatte arrivare in Italia con la promessa di un lavoro e di una vita migliore. Le vittime dovevano restituire somme che andavano dai 25 mila ai 30 mila euro ciascuna e prima della partenza dall’Africa venivano intimidite dai riti juju ai quali erano sottoposte. Al reclutamento in Nigeria pensavano le famiglie degli indagati.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin