23 Aprile 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.53
Palermo

Il 9 aprile il tavolo al MISE

Protesta Blutec, Musumeci: “Regione pronta a fare la propria parte” | FOTO

21 Marzo 2019
'
'
'
'
'
'
'

SCORRI LE FOTO IN ALTO

“I lavoratori della Blutec sanno di poter continuare a contare sulla vicinanza del governo regionale. Lo abbiamo ribadito proprio a Termini Imerese dinanzi al ministro del Lavoro, lo riconfermeremo nell’incontro previsto a Roma agli inizi di aprile. Serve un progetto di rilancio dell’area e di recupero delle forze lavoro per il quale la Regione rimane disponibile a fare la propria parte, anche sul fronte degli investimenti infrastrutturali”. Lo dice, in una nota, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

Presente questa mattina a Termini anche il presindente dell’Anci, Leoluca Orlando, che ha partecipato al corteo per superare la ultradecennale crisi della ex Fiat e per garantire e promuovere lo sviluppo dell’area termitana e della intera realtà metropolitana.

protesta BlutecPer Orlando, “la proprietà dello stabilimento, collocato a suo tempo strategicamente nella area industriale di Termini Imerese, appare ormai come lo strumento utilizzato dalla Fiat per tenere in ostaggio un intero territorio e i suoi lavoratori. Il Governo nazionale intervenga senza ulteriore indugio per interrompere quello che sembra essere ormai soltanto un balletto di aziende paravento, che da oltre quindici anni tengono in stato di agonia un intero territorio”.

Orlando ha sottolineato cheFCA è ormai una multinazionale inserita nella competizione internazionale ma nella nostra realtà si comporta con logiche monopoliste, apparendo più attenta ad evitare la presenza di altri attori internazionali che non alla effettiva produttività dello stabilimento termitano. La vertenza ex Sicilfiat è un test ed un messaggio di apertura o di chiusura per prospettive di investimenti e presenze internazionali in tutta l’Isola”.

Per Cisl e Fim occorrono “veri piani industriali e non carta straccia, solo così si può rilanciare un intero territorio”.

“Quello che continuiamo a ribadire è che i lavoratori di Termini Imerese vogliono il lavoro non certo forme di assistenzialismo, l’incontro del prossimo 9 aprile al Mise deve servire a dare certezze, qui ci sono le professionalità, la storia di un filone produttivo come quello dell’automotive, importante per tutto il Paese, si faccia di tutto per far rinascere la fabbrica e tutto il territorio”.

L’appello alla fine del corteo, che era partito da piazza Europa a Termini Imerese, lo ha lanciato da piazza Duomo durante i comizi il segretario nazionale Fim Cisl Ferdinando Uliano.

protesta BlutecAl suo fianco, con i migliaia di lavoratori in corteo, sindaci, rappresentanti della Chiesa, studenti, commercianti che hanno abbassato le saracinesche al passaggio dei manifestanti in segno di solidarietà, c’era tutta la Fim Cisl locale, guidata dal segretario generale Ludovico Guercio e dal segretario provinciale Antonio Nobile, la Cisl nazionale con il responsabile del Dipartimento Politiche Settore Industria Carlo Anelli e la Cisl Palermo Trapani con il segretario generale Leonardo La Piana e il responsabile di Termini Dino Cirivello.

“Dietro ogni lavoratore che ha manifestato oggi non c’è solo una famiglia – hanno detto Uliano, Guercio e Nobile –  c’è un intero territorio che attende risposte”. La Piana e Dino Cirivello, hanno concluso “la Regione faccia la sua parte anche sul fronte infrastrutturale, si realizzino le opere per l’interporto di Termini, le strade, tutti quei collegamenti che possano rendere competitiva e appetibile la zona per nuovi investimenti. Noi siamo pronti a portare avanti la battaglia fino a quando non otterremo vere risposte da tutti gli interlocutori istituzionali”.

 

LEGGI ANCHE:

Blutec, l’amministratore giudiziario: “Importanti incontri con i vertici FCA”

 

Tag: