Protesta vigili del fuoco, Apprendi: ''Governo dia risposte ai lavoratori'' :ilSicilia.it
Palermo

Le parole del sindacalista

Protesta vigili del fuoco, Apprendi: ”Governo dia risposte ai lavoratori”

di
15 Novembre 2019

”Oggi davanti le Prefetture di tutta Italia hanno protestato pacificamente i Vigili del Fuoco, per avere riconosciuto finalmente il giusto ruolo e il giusto trattamento economico in ordine alla professionalità, alle competenze ed al rischio a cui ogni giorno sono esposti”, lo afferma Pino Apprendi, già sindacalista dei Vigili del Fuoco.

“Anche a Palermo, una folta rappresentanza dei lavoratori dei sindacati CGIL CISL UIL e CONFISAL insieme ad alcuni rappresentanti dell’Inps e dell’Inail,– continua Apprendi – hanno manifestato tutto il disagio che affrontano nel quotidiano. Punti essenziali della vertenza sono l’equiparazione stipendiale con gli altri Corpi dello Stato, riconoscimento Inail, risorse per mezzi, attrezzature e risorse umane”.

“Questi lavoratori godono del riconoscimento della popolazione tutto l’anno, non solamente quando si verificano fatti straordinari come terremoti o alluvioni o quando accadono fatti come quelli di Alessandria dove tre vigili hanno perso la vita per diretto effetto dell’intervento. I tempi sono maturi affinché il Governo si determini per dare, finalmente, risposte adeguate e concrete, andando oltre le parole di circostanza o, peggio, di vuota propaganda come nel recente passato“, ha concluso Pino Apprendi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.