Prove Invalsi al computer, le scuole non dispongono di una connessione adeguata: rischio caos :ilSicilia.it

Non faranno più media nella votazione finale

Prove Invalsi al computer, le scuole non dispongono di una connessione adeguata: rischio caos

di
26 Gennaio 2018

Le prove Invalsi di terza media e seconda superiore si faranno al computer, ma le macchine sono poche e le connessioni inadeguate.

Sarebbe un cambiamento positivo, segno che la scuola si modernizza, senonchè  secondo l’ultima rilevazione ufficiale fatta dal Miur meno della metà delle scuole italiane può contare su una connessione adeguata. Ecco perché la prova Invalsi al computer rischia di diventare per i presidi un serio problema.

“L’unico anello debole di tutta questa prova – spiega Antony Diblio dirigente scolastico della scuola media Carducci di San Cataldo, in provincia di Caltanissetta – è la connessione ad internet, tutte le scuole sono un po’ disastrate. Il Miur ci ha mandato un programma per testare la connessione fra la scuola e la sede Invalsi e non siamo riusciti neanche a collegarci, vuoi perché tutta Italia si stava collegando vuoi perché le linee sono un poco intasate, è stato un problema. Ora che hanno visto questi risultati – dice – si dovranno attrezzare per recepire in ingresso questa mole di dati, infatti hanno dato una proroga per fare un nuova prova”.

Altra novità è che le prove Invalsi escono dall’esame, e quindi non faranno più media ai fini della votazione finale.“La prova invalsi è obbligatoria per essere ammessi agli esami – spiega Diblio – la valutazione la fa direttamente l’Invalisi che ci fornisce le competenze risultanti dall’esame che andranno allegate al certificato delle competenze: un documento che accompagna l’alunno”.

Le prove saranno diverse per ciascun allievo, ma solo il 48 per cento degli edifici è interamente cablato. Ecco perché, come scritto nelle note informative pubblicate l’autunno scorso dall’Invalsi,  “la somministrazione  non potrà più avvenire simultaneamente nello stesso giorno e alla stessa ora per tutti gli allievi delle scuole italiane e di conseguenza e non potranno più essere uguali per tutti ma varieranno da studente a studente”.

I quiz si comporranno di “domande estratte da un vasto repertorio di quesiti tutti uguali per livello di difficoltà e struttura – assicura l’Invalsi – e dovranno svolgersi in orari e giorni diversi all’interno di una finestra possibile che il Miur ha già fissato fra il 4 e il 21 aprile per gli studenti di terza media e fra il 7 e il 19 maggio per quelli del secondo anno delle superiori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin