Prove tecniche in Sicilia per un nuovo polo moderato e antisovranista, contro Meloni e Salvini :ilSicilia.it

un nuovo polo moderato

Prove tecniche in Sicilia per un nuovo polo moderato e antisovranista contro Meloni e Salvini

di
3 Luglio 2020

In Sicilia prove tecniche per un centrodestra moderato. In questo spazio politico si sta penando per reinventarsi allo scopo di fare i conti con legge elettorale, proporzionale con lo sbarramento del 5%.  In Sicilia i primi a muoversi su questo versante sono Gianfranco Miccichè  e Italia Viva. Il nuovo polo potrebbe essere ‘condito’ anche dal nuovo partito di Calenda, Azione, e +Europa.

La Sicilia è sempre stata laboratorio politico di Italia. E questa volta le prime lenze da pesca vengono lanciate dal gruppo parlamentare di Renzi e dal presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè. Alcune delle disposizioni adottate a Palazzo dei Normanni avevano fatto intendere l’inizio un flirt tra Forza Italia e Italia Viva. Un episodio su tutti: il ddl semplificazione. La legge di sburocratizzazione in Sicilia è stata fortemente voluta dal renziano di ferro Luca Sammartino, ma dietro c’era anche la longa manus del presidente dell’Ars. Lo stesso leader di Italia Viva da tempo afferma: “Porte aperte a chi vorrà venire in questo progetto, non da ospite ma da dirigente. Noi non tiriamo la giacchetta, Italia Viva è un approdo naturale per tutti, è questione di tempo”. Più volte l’ex sindaco di Firenze ha usato la parola “contaminazioni”.

E quindi dalla Sicilia sembra proprio che stia partendo una contaminazione di un centrodestra moderato formato da più anime che si potrebbero sintetizzare come una sorta di vecchia Democrazia Cristiana in salsa contemporanea. Un polo in cui andrebbero a convergere tutte quelle anime moderate del paese contro il sovranismo della Meloni e di Salvini a favore dell’Europa.

Il polo che potrebbe nascere sarà di stampo cattolico, con un tentativo di ‘ravvedimento’ rivolto agli elettori smarriti dalla nuova politica ad personam. Una miriade di personaggi politici di un certo peso che partono dall’Udc, passando dagli autonomisti popolari sino ad arrivare a +Europa. “Il bluff degli autonomisti che flirtano con la Lega durerà il tempo di queste amministrative di autunno”, qualcuno afferma tra i corridoi di Palazzo dei Normanni.

Ma come già scritto chi sta ponendo la prima impalcatura in merito a questo nuovo polo moderato in Sicilia sono gli azzurri di Silvio edy tamajoBerlusconi e i deputati regionali di Italia Viva. Non a caso la scorsa settimana il presidente dell’Ars Miccichè era a cena a casa del deputato palermitano di Italia Viva: Edi Tamajo.  I due, che se si conoscono da tempo, sembrano avere un certo feeling politico all’interno di Palazzo dei Normanni.

Insomma un ‘polo del buon senso’ alternativo e autonomo rispetto a sinistra, pentastellati e sovranisti, in particolar modo alla luce di una quasi certa legge elettorale proporzionale.

Ovviamente il percorso non è facile, sia perché presuppone di mettere insieme forze che in precedenza hanno militato in campi opposti, sia perché è diviso tra coloro che si sono opposti alla nascita del governo giallorosso – Azione e +Europa – e ora stanno all’opposizione, e chi – come Italia Viva – sono stati i promotori della sua creazione per bloccare i “pieni poteri” di Salvini. E del tutto evidente che se il governo durerà fino al 2023 la creazione della federazione si muoverà con molta difficoltà, perché il processo costituente sarà sovra determinato dagli schieramenti parlamentari e dalle dinamiche interne delle forze di governo.

© Riproduzione Riservata
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.