Province, Candiani: "Rimetterle in funzione con regole snelle" :ilSicilia.it

le parole del sottosegretario all'Interno

Province, Candiani: “Rimetterle in funzione con regole snelle”

19 Giugno 2019

Rimettere in funzione le province con regole snelle, significa affrontare e risolvere i problemi di scuole, strade e infrastrutture oggi pericolosamente trascurate“, lo ha detto il sottosegretario all’Interno, Stefano Candiani intervenendo al convegno ‘La riforma degli Enti Locali – il futuro delle province d’Italia‘ che si è svolto a Lecce.

Lasciamoci alle spalle la campagna elettorale e torniamo al lavoro per riscrivere il Testo Unico – ha sottolineato ancora il sottosegretario – Ripartiamo dai dati e analizziamoli perché sono loro a dirci che l’attuale assetto non funziona e che la riforma Delrio ha portato a un aumento di costi, ad un impoverimento dei servizi e alla paralisi degli investimenti“.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.