Province, l'assessore Grasso a Roma: "Stop al prelievo forzoso" :ilSicilia.it

Le parole della componente della giunta Musumeci

Province, l’assessore Grasso a Roma: “Stop al prelievo forzoso”

di
19 Marzo 2019

Durante l’audizione in commissione Bilancio alla Camera, ho esposto la grave situazione finanziaria in cui a oggi versano tutte le ex Province della Regione siciliana a causa del cosiddetto ‘prelievo forzoso‘ operato dallo Stato. Ho prodotto un elenco analitico e dati di dettaglio, predisposti dagli uffici regionali del dipartimento Autonomie locali ed economia e finanze, per dimostrare la sperequazione dovuta a tale prelievo, a cui non sono state associate, per la nostra Regione, adeguate forme di ristoro“. Lo dice l’assessore alla Funzione pubblica e agli Enti locali della Regione siciliana, Bernardette Grasso, sottolineando che per lo Stato “il disequilibrio 2018 delle ex Province siciliane ammonta a 54 milioni di euro, mentre per la Regione siciliana corrisponde a 96 milioni di euro“.

La differenza risiede nel fatto che lo Stato sottrae al taglio discendente dal comma 418 della legge 190/2014, pari a 197 milioni di euro, la riduzione della spesa del personale, che non si è applicata in Sicilia, e il minor taglio proveniente dal dl 66/2014, che però opera una sola volta -dice l’assessore Grasso- Inoltre, a fronte di tagli per 3.789,8 milioni di euro, le Regioni a statuto ordinario ricevono, per gli enti di area vasta, un ristoro pari a 1.660 milioni di euro, che equivale al 44 per cento. La Regione siciliana, su tagli per 340 milioni di euro, riceve un ristoro pari a 70 milioni di euro, equivalente solo al 23 per cento“.

Una disparità che secondo l’esponente della Giunta Musumeci comporta “gravi situazioni di disequilibrio e immobilizza e impoverisce le nostre ex Province, che non sono in grado di assolvere alle loro basilari  funzioni“.

Insieme all’onorevole Prestigiacomo – conclude l’assessore – abbiamo rappresentato la stringente necessità di trovare uno strumento di perequazione, come la sospensione del prelievo forzoso da parte dello Stato per gli Enti siciliani, di cui tratta il ddl condiviso insieme ai colleghi parlamentari nazionali di Forza Italia e presentato con primo firmatario l’onorevole Germanà. Parallelamente, sarà necessario procedere con la massima urgenza a una deroga normativa che permetta alle ex Province siciliane di chiudere i bilanci e, contestualmente, di sbloccare gli investimenti“.

Sulla questione si è espresso anche il vicepresidente della Regione Gaetano Armao: “La Regione si batte da mesi per eliminare questa assurda  discriminazione verso le province siciliane. Il governo nazionale deve fare  presto – ha affermato  Occorre intervenire sia sul piano normativo che su quello finanziario. Condivido – ha sottolineato Armao – quanto prospettato dal sottosegretario all’Economia, Alessio Villarosa, che ha sottolineato l’urgenza delle misure da  adottare per riequilibrare una situazione diventata insopportabile e che sta portando gli enti al dissesto con gravi difficoltà per i cittadini siciliani. Emergenza che, stamattina, l’assessore alla Funzione pubblica, Bernadette Grasso, ha ribadito in commissione Bilancio alla Camera.  Ogni livello istituzionale faccia la propria parte – ha concluso il  vicepresidente – Il governo Musumeci ha già dichiarato di essere pronto a farla, in linea con l’accordo stipulato con lo Stato nel dicembre scorso”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin