Province siciliane, nuovo tentativo di salvataggio nel dl Crescita :ilSicilia.it

Si prevede un contributo di 243,3 milioni

Province siciliane, nuovo tentativo di salvataggio nel dl Crescita

di
5 Giugno 2019

Dopo il tentativo di modificare la proposta di legge presentata da Antonino Germanà di Forza Italia per il recupero dei mancati trasferimenti alle ex Province siciliane – ora in stallo nella commissione Bilancio della Camera – Forza Italia prova a riproporre lo stanziamento di circa 243 milioni di euro agli enti intermedi dell’isola (Liberi consorzi e Città metropolitane, le ex Province appunto) nel dl Crescita con dei subemendamenti alla proposta di modifica arrivata ieri dai relatori nelle commissioni riunite Bilancio e Finanze della Camera.

Obiettivo principale degli emendamenti FI (a prima firma della vicepresidente della commissione Bilancio Stefania Prestigiacomo, così come quelli presentati sulla pdl Germanà) è la perequazione dei ‘rimborsi’ concessi alle ex Province siciliane con quelli concessi agli stessi enti delle Regioni a statuto ordinario.

Nel dettaglio, si prevede un contributo di 243,3 milioni di euro “al fine di garantire ai Liberi consorzi e alle Città metropolitane della Regione siciliana parità di trattamento con gli omologhi enti di area vasta delle Regioni a statuto ordinario, in termini di contributi statali di parte corrente riconosciuti a tali enti negli anni dal 2016 al 2019 per l’esercizio delle funzioni fondamentali, tenuto conto delle riduzioni di risorse correnti operate in attuazione del comma 418 dell’articolo 1 della legge 23 dicembre 2014/190, fermo restando quanto previsto nell’accordo firmato il 19 dicembre 2018 tra il ministro dell’Economia e delle finanze ed il presidente della Regione siciliana”.

La proposta dei relatori punta a modificare la manovra per destinare 140 milioni dalle risorse del Fondo di sviluppo e coesione 2014/2020, già assegnate alla stessa Regione, destinandoli al “concorso alla finanza pubblica a carico della Regione Siciliana per l’anno 2019”; destinare un contributo di 10 milioni di euro alla Regione siciliana per il 2019, da portare in riduzione del concorso alla finanza pubblica di cui al comma 881 dell’articolo 1 della manovra; e poi garantire l’impegno da parte della Regione a incrementare di ulteriori 100 milioni di euro, per l’anno 2019, l’importo di 70 milioni di euro annui da destinare ai Liberi consorzi e alle Città metropolitane del proprio territorio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin