Pugni e calci a un disabile per un posto auto nel Catanese | Video :ilSicilia.it
Catania

i due aggressori sono stati denunciati

Pugni e calci a un disabile per un posto auto nel Catanese | Video

30 Gennaio 2019

 

Guarda il video in alto

A Paternò, un sordomuto dopo aver atteso per oltre 15 minuti il posto auto per i disabili occupato abusivamente da un’altra vettura è stato selvaggiamente picchiato.

L’episodio è avvenuto l’ 1 dicembre scorso in via Isole Eolie. Nel video si evince come la vittima di 44 anni dopo essere stato avvicinato al finestrino della propria auto da due persone che avevano occupato il posto, a seguito di aver espresso il proprio disappunto è stato dapprima minacciato e poi aggredito.

Al disabile è stato impedito di scendere dalla propria autovettura, sbattendogli più volte contro la portiera, in un secondo momento la legittima reazione del mal capitato ha fatto scaturire ai due aggressori una feroce violenza colpendolo ripetutamente e lasciandolo sanguinante per terra.

Il disabile, trasportato in ambulanza all’ospedale “Santissimo Salvatore” di Paternò, è stato visitato e curato dai medici del pronto soccorso che gli hanno diagnosticato “una ferita lacerocontusa alla regione sopraciliare ed una frattura pluriframmentaria scomposta delle ossa proprie del naso”, lesioni giudicate guaribili in 45 giorni“.

Del reato si sono occupati i carabinieri di Paternò che, acquisita la denuncia della vittima, hanno svolto gli opportuni approfondimenti investigativi che hanno consentito di dare un volto agli aggressori: i paternesi T.M. di anni 45 e S.M. di anni 34, già pregiudicati, che dovranno rispondere di lesioni personali aggravate.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.