24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.32
Catania

i due aggressori sono stati denunciati

Pugni e calci a un disabile per un posto auto nel Catanese | Video

30 Gennaio 2019

 

Guarda il video in alto

A Paternò, un sordomuto dopo aver atteso per oltre 15 minuti il posto auto per i disabili occupato abusivamente da un’altra vettura è stato selvaggiamente picchiato.

L’episodio è avvenuto l’ 1 dicembre scorso in via Isole Eolie. Nel video si evince come la vittima di 44 anni dopo essere stato avvicinato al finestrino della propria auto da due persone che avevano occupato il posto, a seguito di aver espresso il proprio disappunto è stato dapprima minacciato e poi aggredito.

Al disabile è stato impedito di scendere dalla propria autovettura, sbattendogli più volte contro la portiera, in un secondo momento la legittima reazione del mal capitato ha fatto scaturire ai due aggressori una feroce violenza colpendolo ripetutamente e lasciandolo sanguinante per terra.

Il disabile, trasportato in ambulanza all’ospedale “Santissimo Salvatore” di Paternò, è stato visitato e curato dai medici del pronto soccorso che gli hanno diagnosticato “una ferita lacerocontusa alla regione sopraciliare ed una frattura pluriframmentaria scomposta delle ossa proprie del naso”, lesioni giudicate guaribili in 45 giorni“.

Del reato si sono occupati i carabinieri di Paternò che, acquisita la denuncia della vittima, hanno svolto gli opportuni approfondimenti investigativi che hanno consentito di dare un volto agli aggressori: i paternesi T.M. di anni 45 e S.M. di anni 34, già pregiudicati, che dovranno rispondere di lesioni personali aggravate.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.