Punto nascite di Pantelleria, le mamme: "Musumeci lo riapra" :ilSicilia.it
Trapani

la protesta

Punto nascite di Pantelleria, le mamme: “Musumeci lo riapra”

di
7 Luglio 2020

Dateci ascolto: riaprite il Punto Nascita“. Questa volta le mamme del Comitato ‘Pantelleria vuole nascere’, si rivolgono direttamente al presidente della Regione Nello Musumeci, e, per conoscenza, al ministro della Salute, Roberto Speranza, all’assessore Regionale alla Salute, Ruggero Razza, al sindaco Vincenzo Campo, al prefetto di Trapani, Tommaso Ricciardi, al dirigente generale Asp di Trapani, Gioachino Oddo, al direttore del Distretto Sanitario 51, Luca Fazio e alla Procura di Marsala.

Le mamme di Pantelleria, infatti, non abbassano la guardia nonostante la tematica per la riapertura del Punto Nascita sia stata oscurata dall’inattività di quanti sembravano posizionati in prima linea per sostenere il sacrosanto diritto alla salute. Un diritto rivendicato dalle gestanti pantesche che però continuano a partire verso la terraferma per affrontare il parto in altre strutture ospedaliere, che ancora si sentono dire che la morfologica è meglio prenotarla fuori, salvo poi scoprire, telefonando personalmente allo specialista e spesso quando qualcuna già è partita, che forse viene data la possibilità di effettuarla anche in reparto. Mamme che sempre autonomamente si organizzano per avere la certezza della presenza del medico che effettui sull’isola l’ecografia neonatale delle anche, programmabile fra il secondo e il terzo anno di vita.

Alcune riescono ad ottenere il servizio grazie al passaparola tra loro e altre partono per la Sicilia perchè l’informazione è stata data tardi o non correttamente.

La lettera

Caro Presidente grazie per aver accolto le istanze degli imprenditori di Pantelleria, era proprio necessario ed urgente provvedere ad un’azione di supporto per far ripartire l’economia della nostra amata Isola. Le difficoltà sono tante e ce n’è un’altra in particolare alla quale teniamo molto noi mamme, noi famiglie in attesa del parto, noi comunità: abbiamo bisogno del nostro Punto Nascita che ci è stato tolto improvvisamente nel febbraio scorso. Ne abbiamo bisogno soprattutto adesso, non ne possiamo più di subire questo stress psicofisico di lasciare tutto e partire verso la terraferma.

Abbiamo altri piccoli a casa che hanno bisogno di noi, non permettete più lo strazio di separarci da loro per quasi un mese e a volte anche oltre. Non permettete più di farci subire trasferimenti costosi senza il sostegno e la vicinanza della nostra famiglia. Non permettete più tanta sofferenza per noi gestanti che dovremmo vivere e ricordarci l’ultimo periodo di gravidanza come il più sereno e bello possibile per mettere al mondo creature sane e senza complicazioni! Riapriteci il nostro Punto Nascita che ha funzionato fino a pochi mesi fa per i parti naturali a basso rischio e nel frattempo che si lavori per renderlo più sicuro e conforme alle normative vigenti”.

Sappiamo che non ci vuole molto basta organizzarsi e noi mamme siamo disponibili a partecipare al tavolo di lavoro per aiutare nelle operazioni di messa in sicurezza del reparto. Ridateci la possibilità di far nascere qui, circondate dagli affetti. Non possiamo rinunciare alla gravidanza a causa delle esose spese dei trasferimenti che siamo costrette ad affrontare. Non permettete di far diventare la gravidanza un bene di lusso, riservato a pochi, anzichè un evento naturale e un dono per la comunità tutta che anche di questo ha bisogno per ripartire con fiducia. Per favore, dateci ascolto: riaprite il Punto Nascita di Pantelleria“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.