14 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.44
Palermo

I rosanero si confermano campioni con la maglia della loro Nazionale

Puscas e Trajkovski gol e show in Nazionale. (VIDEO)

14 Ottobre 2018

Sono bastati 5 minuti di gioco in Romania – Galles  all’attaccante  palermitano  George Puscas  per  mettere  fine  alla  propria astinenza (che durava dallo scorso aprile).

puscas-nazionale-rumenaPuscas

Grande progressione sulla fascia destra , ingresso in velocità in area, conversione verso la porta … gran destro sotto la traversa e fantastico gol ed ora sappiamo che nell’attacco 3 il posto a destra è il suo mentre al centro non si discute nemmeno Nestorovski così rimane da chiarire chi sarà il terzo in attacco a sinistra e dal cappello magico arriva la conferma a quel che sosteniamo da sempre il posto è di Trajkovski se finalmente a Palermo si giocasse per vincere e non per non prendere gol o fare possesso palla e sfruttando le potenzalità dei 3 attaccanti insieme per fare un attacco stellare in un fantastico 3-4 3 con Rispoli a spingere sulla destra e Salvi sulla sinistra ed Muravski e Fiordilino a dettare i tempi a centrocampo e coprire ed in difesa Szyminski, Raikovic e Bellusci od Accardi.


E così come il rumeno firma il gol (fantastico gol!) del definitivo 2-0 per la Romania, che così si conferma in vetta al proprio girone di qualificazione agli europei under 21 a una giornata dal termine fa meglio di lui confermando quel che sosteniamo da sempre che è un attaccante e non un tornante un altro rosanero: Trajkovski  per lui una doppietta in Nazionale.

Show di Trajkovski con i suoi due gol contro il Liechtenstein nella vittoria per 4-1 della Macedonia. A secco Nestorovski, in campo per 83′.

Ora chi vuole capire capisca finalmente dopo esserci anche troppo tardi nuovamente liberati di chi sconosceva il senso dell’art.12 del regolamento del giuoco calcio che per dare la vittoria ed i 3 punti chiede che venga fatto non possesso palla , non giocare per non prendere gol ma fare un gol in più dell’avversario e se fosse per noi cambieremmo il regolamento dando 0 punti anche al pareggio e volendo meno uno se perdi e sempre 3 punti per la vittoria così scomparirebbero per sempre tutti gli allenatori che non pensano a fare fare un gol in più alla propria squadra contro l’avversario di turno.

Infine vittoria per la Norvegia di Aleesami (titolare e in campo per 90′).

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.