Pusher, scommettitori e lavoratori in nero: scoperti 175 furbetti del reddito di cittadinanza :ilSicilia.it
Messina

il fatto

Pusher, scommettitori e lavoratori in nero: scoperti 175 furbetti del reddito di cittadinanza

di
5 Febbraio 2021

Scoperti nella provincia di Messina 175 persone che percepivano illegittimamente il reddito di cittadinanza. Una frode di oltre un milione di euro. I finanzieri del Comando provinciale hanno scoperto che, sebbene non fossero in possesso dei requisiti previsti, hanno beneficiato del sussidio. L’importo ammonta a 1.120.533 euro, mentre è stata bloccata l’erogazione di altri 474.417 euro, segnalando alle autorità giudiziarie di Messina, Barcellona Pozzo di Gotto e Patti 109 persone. Sono stati individuati trafficanti di stupefacenti, imprenditori, artigiani, venditori ambulanti, negozianti giocatori on-line, un avvocato e numerosi lavoratori in nero.

Frequenti sono risultate le irregolarità, peraltro nei più svariati settori economici: dall’edilizia al commercio, dagli autolavaggi ai bar, dalla ristorazione ai saloni di bellezza. Tra i casi più singolari, anche quello di un santagatese non più residente nel territorio dello Stato da oltre due anni, che ha incassato oltre 1.700 euro.

Omessa anche la dichiarazione di redditi derivanti da vincite online per centinaia di migliaia di euro. Nel corso dell’operazione di polizia “Festa in maschera”, che ha sgominato un traffico di sostanze stupefacenti tra Calabria e Sicilia, è stato poi scoperto che 9 degli 11 arrestati facevano parte di nuclei familiari che percepivano il reddito di cittadinanza. Un primo provvedimento emesso dal Tribunale di Messina ha accolto la richiesta relativa al sequestro di oltre 150 mila euro percepiti da venticinque persone e il tribunale di Patti ha disposto il sequestro preventivo di oltre 50 mila euro, nei confronti di quattro residenti a Capo d’Orlando, Caronia, Sant’Agata di Militello e Santo Stefano di Camastra.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin