Quali sono le cricche che governano Palermo? Orlando faccia i nomi :ilSicilia.it
Palermo

Le dichiarazioni del sindaco

Quali sono le cricche che governano Palermo? Orlando faccia i nomi

di
25 Luglio 2020

In passato quando la mafia governava a Palermo c’era una sola cricca. Adesso sono più cricche. Io ne ho individuate almeno due“. Parole di Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, dette durante una seduta del Consiglio comunale.

Parole gravissime che sollevano più di una questione. La prima: il sindaco afferma che ci sono delle cricche – lui stesso dice di averne individuate almeno due – che avrebbero in mano il governo della città. Ma allora Orlando che ci sta a fare? Non dovrebbe essere lui il primo responsabile dell’amministrazione? Chi ha in mano le redini del governo della città? I palermitani, legittimamente, vorrebbero essere aggiornati.

Seconda considerazione. Orlando afferma: “Non vorrei che all’interno del Consiglio comunale ci fosse qualcuno che ritiene di essere anti-cricca perché difende la sua cricca contro un’altra cricca“. Sta forse dicendo, il sindaco, che a Sala delle Lapidi c’è qualcuno che difende interessi lobbistici (o magari peggio)? Se così fosse, reputa il primo cittadino opportuno continuare a governare con il sostegno di una maggioranza di un consiglio comunale che, stando alle sue dichiarazioni, sarebbe quantomeno delegittimato? A oggi i riscontri cronachistici di cui si ha contezza sono quelli dei mesi scorsi, con l’inchiesta Giano Bifronte, che ha visto il coinvolgimento di due consiglieri comunali di maggioranza e di un dirigente del Comune. Sa qualcosa, Orlando, che sarebbe il caso sapessero anche i palermitani?

Terza e ultima considerazione. Orlando dice: “I relativi nomi e cognomi io mi riservo di fare, come ho già fatto, alle autorità competenti. Ma non dirlo in questo momento sarebbe una mancanza di rispetto per il Consiglio comunale“. Certamente corretto rivolgersi alle autorità giudiziarie competenti, nulla quaestio. E’ certamente preoccupante, però, per i cittadini, sapere che in questo momento ci sono a Palermo cricche che potrebbero avere referenti nelle istituzioni cittadine. Sarebbe meglio avere contezza di chi si sta parlando.

Il sindaco faccia i nomi, i palermitani hanno il diritto di sapere.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin