Qualità della vita 2018: Palermo all'87° posto, tutte le siciliane in coda :ilSicilia.it

la 29^ edizione dell'indagine del Sole 24 Ore

Qualità della vita 2018: Palermo all’87° posto, tutte le siciliane in coda

di
17 Dicembre 2018

Milano vince la 29^ edizione della Qualità della vita. Un risultato inedito nell’indagine annuale del Sole 24 Ore, che scatta una fotografia delle città italiane.

Ben 42 i parametri di riferimento per ciascuna provincia (107 in tutto), suddivisi in sei macro aree tematiche (Ricchezza e consumi, Affari e lavoro, Ambiente e servizi, Giustizia e sicurezza, Demografia e società, Cultura e tempo libero), riferiti all’ultimo anno appena trascorso.

Qualità della vita 2018: Palermo all'87° posto, tutte le siciliane in codaAl secondo ed al terzo posto si piazzano Bolzano, in risalita dalla quarta posizione del 2017, e Aosta, in discesa di una posizione dallo scorso anno. In coda alla graduatoria, invece, si ritrova Vibo Valentia: è la quarta volta che compare sul fondo, circondata da numerose città del Sud. Roma si piazza al 21° posto, in linea con l’anno precedente (24° posto).

Tra le altre grandi città, più a Sud spicca la risalita di Napoli che conquista 13 posizioni: nonostante continuino a peggiorare le performance legate a Giustizia e sicurezza e Affari e lavoro, la città festeggia il miglioramento sul fronte della ricchezza e dei consumi, grazie ai prezzi di vendita delle case. Migliorano anche Venezia, Torino, Catania, Bari e Bologna, in controtendenza solo Genova e Firenze che perdono rispettivamente otto e dieci posizioni.

Per quanto riguarda le siciliane, prima si conferma Ragusa al 73° posto che sale di sette posizioni, segue Siracusa all’82° posto che sale di sei posizioni, poi Catania all’84° posto conquistando nove posizioni, Palermo all’87° posto sale di 10 posizioni, Trapani all’89° posto sale di dieci posizioni, Agrigento al 93° posto sale di tre posizioni, Messina al 96° posto scende di sette posizioni, Caltanissetta al 100° posto scende di 8 posizioni ed Enna al 102° posto scende di diciotto posizioni.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.