Quando il sindaco Di Giacinto sul palco diceva: "Casteldaccia è una cosa seria" | Video :ilSicilia.it

arrestato questa mattina

Quando il sindaco Di Giacinto sul palco diceva: “Casteldaccia è una cosa seria” | Video

di
5 Dicembre 2019

 

Guarda il video in alto

Gli applausi schioccavano mentre lui parlava sul palco, accerchiato da giovani in rappresentanza del futuro di Casteldaccia. Giovanni Di Giacinto, il sindaco del piccolo paese in provincia di Palermo finito oggi in manette, ringraziava i cittadini per la sua elezioni, accusando il deputato nazionale del Movimento 5 stelle, Davide Aiello di avere infangato il nome del suo paese intervenendo alla Camera in merito all’indagine per voto di scambio che la procura di Termini aveva avviato.

Casteldaccia è una cosa seria. E’ fatta di gente laboriosa. Gente onesta che la mattina si alza per andare a lavorare”. Affermava dal palco tempo fa il sindaco. Ed è anche una cosa seria il lavoro dei carabinieri di Bagheria che hanno permesso di arrestare il sindaco Di Giacinto insieme ad altre quattro persone (il suo vice Giuseppe Montesanto, l’assessore Maria Tomasello, la funzionaria Rosalba Buglino e il geometra libero professionista Salvatore Merlino). Tutti, a vario titolo, devono rispondere di corruzione, abuso d’ufficio, falso materiale ed ideologico.

Giovanni Di Giacinto, oltre che essere stato sindaco di Casteldaccia, è stato capogruppo del Megafono quando Rosario Crocetta era presidente della Regione. Voti decisivi per l’elezione dell’ex sindaco di Gela a Palazzo d’Orleans: Il sindaco in manette, a pochi giorni della presentazione delle liste per la campagna elettorale del 2012 aveva abbandonato l’ex partito di Miccichè, Grande Sud, di cui faceva parte, per approdare al Megafono, folgorato dalla “rivoluzione” di Crocetta e Lumia.

Lo stesso Lumia è stato l’unico ad essere stato eletto nella lista di quel partito, ed anche qui a quanto pare Di Giacinto ha avuto il suo ruolo chiamando a raccolta i suoi sostenitori, assessori e consiglieri comunali per l’elezione del politico di Termini Imerese.

Un Comune in un comprensorio storicamente difficile, che negli ultimi anni ha visto innumerevoli casi di malaffare, il ragioniere commercialista, ha dettato legge a Casteldaccia per circa 15 anni. Prima da vicesindaco nell’amministrazione di Bartolo Di Matteo, poi da Sindaco, per tre mandati.

Di Giacinto è finito sotto inchiesta anche per la strage causata dall’alluvione di Casteldaccia dell’anno scorso. La procura di Termini Imerese, guidata da Ambrogio Cartosio, ha iscritto nel registro degli indagati amministratori comunali, ex amministratori, dirigenti dell’ufficio tecnico del Comune di Casteldaccia e i proprietari della villetta dove morirono 9 persone la notte del 3 novembre scorso.

LEGGI ANCHE:

Appalti in cambio di soldi e posti di lavoro: arrestato il sindaco di Casteldaccia

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.