Quartiere Cep di Palermo: deturpata la targa posta in memoria di Peppino Impastato :ilSicilia.it
Palermo

Non è durata nemmeno un giorno

Quartiere Cep di Palermo: deturpata la targa posta in memoria di Peppino Impastato

18 Giugno 2019

E’ stata deturpata la targa posta in memoria di Peppino Impastato nelle villetta intitolata allo stesso, sita tra le vie Paladini e Calandrucci, nel cuore del quartiere San Giovanni Apostolo, ex Cep a Palermo.

Il presidente della VI Circoscrizione Michele Maraventano ha indetto una seduta di Consiglio sul posto, alla quale ha partecipato anche la Terza Commissione consiliare, di cui faccio parte” dichiara il consigliere comunale, Massimo Giaconia.

É bene che tutti sappiano che non ci arrenderemo e che continueremo in questo quartiere la nostra lotta per la legalità e contro ogni infamia che sia di stampo mafioso o di semplice atto vandalico” conclude Giaconia.

Circa 13 anni fa in rappresentanza della Presidenza del Consiglio Comunale di Palermo collocammo un cippo con una targa in un giardino che si intesto’ a Peppino Impastato. Qualche anno fa la targa fu rimossa da ignoti” afferma Pino Apprendi che all’epoca era vice presidente del consiglio comunale che aggiunge – ieri l’Amministrazione comunale ha ricollocato una targa che già é  stata vandalizzata. Sono gesti  fatti certamente da scellerati, in un territorio dove manca totalmente ogni controllo. Solidarietà a chi nel territorio ogni giorno si prodiga, volontariamente , ad aggregare i giovani del quartiere“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.