"Quattro donne" in un romanzo di Carla Garofalo | Videointervista :ilSicilia.it
Palermo

a milano l' ambientazione

“Quattro donne” in un romanzo di Carla Garofalo | Videointervista

di
7 Giugno 2018

Guarda la videointervista in alto

Quattro donne che si rincontrano dopo venticinque anni e che, tra alti e bassi, separazioni e riavvicinamenti, rimangono legate come un Uroboro: non esiste migliore allegoria per rappresentare il ciclo infinito dell’energia della vita personificato da queste quattro donne che Carla Garofalo riesce perfino a far coesistere in un clima di solidarietà.

copertina "quattro donne" di Carla GarofaloMordacità a parte, questo è il primo romanzo della Garofalo, avvocato penalista palermitano, che racconta di una promessa mai pronunciata, forse sussurrata, dai personaggi, le personagge, di questo romanzo. Quella di ritrovarsi. Anche con la propria anima. Un atto di fede che forse riguarda un po’ tutte le donne per cui la guerra non è mai finita, cantava qualcuno qualche anno fa, ma declinato al presente.

Le protagoniste, dunque, sono quattro donne, tre sono colleghe avvocate avvocatesse avvocati. Questo il leit motiv umoristico che scorre lungo tutto il libro e svela l’attualità di una tematica linguistica al centro del dibattito culturale contemporaneo. Tutto coniugato al presente quindi, come le protagoniste del libro. La quarta donna, invece, è sorella di una di loro.

La trama. Londra, gli studi, il campus, l’amicizia, quella vera, quella che senti di poter toccare con le mani, ne senti il profumo e la morbidezza come una calda coperta protettiva. Complicità e segreti, amori e matrimoni, tutti fotogrammi che iniziano a diventare sempre più sfumati all’ombra dei ricordi delle protagoniste dopo che si perdono di vista. Poi gli incidenti stradali e coincidenze non coincidenze riuniscono le loro vite in un ospedale di Milano, che diventa il luogo necessario al compiersi della magia della loro ritrovata amicizia, tra realtà, ricordi e sogni in un’atmosfera pirandelliana. All’interno della trama, l’incalzare degli eventi riesce comunque a lasciare lo spazio anche per un incontro che culminerà con una rivelazione scabrosa e un finale a sorpresa.

Dopo la presentazione già avvenuta all’Auditorium Rai di Palermo, il libro sarà presentato anche nel corso di “Una Marina di Libri“, venerdì 8 giugno alle 16,30 all’Orto botanico di Palermo. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti