Quattro giorni di festa con l'Inverdurata di Pachino, Arte da Mangiare [Il Programma] | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Siracusa

Dall'11 al 14 maggio

Quattro giorni di festa con l’Inverdurata di Pachino, Arte da Mangiare [Il Programma]

di
8 Maggio 2018

La vostra Patti Holmes, cari Watson, con dei piccoli indizi vi accompagna in una terra, che per quattro giorni, diventa patria dell’Arte da Mangiare. Per procedere a piccoli passi, essendo il suo un elogio della lentezza, vi darà dei piccoli indizi che vi condurranno alla meta.

1) Siamo diretti in provincia di Siracusa

2) In una cittadina che profuma di basilico, pomodoro e mare

3) Il cui nome deriverebbe dal fenicio pachum, “guardia”

4) Per lo storico Tommaso Fazello, invece, dal greco antico pachys, “abbondante”, “fertile”

5) Secondo altri da Pachys Oinos, “terra abbondante di vino”

6) Per altri ancora, riferendosi all’isola di Capo Passero, a Pacheia Nesos, ovvero “Isola dalla larga circonferenza”

7) Il cui prodotto principe, il pomodoro, ha la denominazione IGP, ossia “Identificazione Geografica Protetta”

Ebbene sì, cari adorati lettori e aiutanti investigatori, il luogo delle meraviglie dai tanti inebrianti aromi è Pachino che, dall’11 al 14 maggio, festeggia la 15^ edizione de “L’Inverdurata di Pachino” che, quest’anno, vede coinvolti nell’organizzazione: l’Associazione Commercianti e Artigiani Pachinesi, la Pro Loco di Marzamemi, Vivi Vinum Pachino ed il Comune di Pachino.

Questo aromatico e colorato concorso a premi di mosaici vegetali che nasce nel 2004 su iniziativa dell’APAC, (Associazione Pachinese Anticrimine, nata nel 1992 e aderente al FAI, Federazione Antiracket Italiana), con lo scopo di far giungere a quante più persone possibili il messaggio della legalità nei suoi molteplici aspetti, si svolge nel mese di maggio in ricordo delle vittime della mafia e dell’eccidio di Capaci, dove persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta: Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro.

Nel 2004, in cui i mosaici prodotti furono 9 di cui 4 fuori concorso per mancanza di adesioni, nacque un bando per coinvolgere tutte le scuole, le associazioni, i singoli e i gruppi. Dal 2005 i bozzetti giunti furono così numerosi da dover coprire due strade invece di una. Fin dal secondo anno, il regolamento previde la scelta di 16 bozzetti tra tutti quelli in concorso e arrivati nei tempi regolamentari. Vi sono, anche, altri due mosaici fuori concorso, uno dedicato al Comune e l’altro all’Ente organizzatore. Il tema proposto cambia ogni anno e i vincitori vengono scelti in base alla fattibilità, bellezza artistica e originalità del loro progetto. Quest’anno il concorso dei mosaici è diviso in due sezioni, la prima dedicata agli artisti e la seconda dedicata alle scuole e ai ragazzi. Una Commissione, nominata dal comitato organizzatore, composta da esperti in arti figurative, sceglierà i 16 -18 bozzetti artisticamente ritenuti i più idonei da eseguire.

Il momento più bello ed entusiasmante è senza dubbio quando vengono creati i mosaici, in Via Roma, dove oltre alle decine di autori e di esecutori delle opere artistiche, accorrono parenti, amici e curiosi, un vociare gioioso che incita all’arte. Questa manifestazione, che è elogio dell’agricoltura, del territorio e dei suoi prodotti di eccellenza e che mani sapienti utilizzano in maniera creativa per mettere in risalto il bello, l’elegante, l’effimero, non a caso è stata inserita nel circuito internazionale delle Arti Effimere.

 

Programma

Venerdì 11 maggio

Alle 16
Via Cavour – Inizio realizzazione mosaici
Via Roma – Inizio realizzazioni arti effimere

 

Sabato 12 maggio

Alle 10
Vie Cavour

  • Apertura androne Palazzo Tasca
  • stessa via al n. 37 Mostra fotografica

Piazza Vittorio Emanuele

  •  Ti p’Orto in Piazza, a cura di Piante & Passion by Ecofaber
  • Esposizione Vivai Bruno
  • Apertura Stand Solidali

Via Roma: Esposizione bozzetti arti effimere, a cura del Cantiere Educativo

Via Roma – Via Menotti: Apertura mercatini artigianali

Via Anita: Apertura Casa Museo “Casa ri stari”, a cura ASSEC

 

Dalle 10 alle 12
Via P. Rossi – Mostre fotografiche, esposizione vivai Bruno, apertura stand solidali e mercatini artigianali

dalle 10 alle 12 – Piazza Vittorio Emanuele
Giochi antichi e Piscina della Belle Parole, a cura del Cantiere Educativo

15.30/19.30 – Ex Cinema Diana
Laboratorio Unicef

Alle 17 – Via Cavour
Inaugurazione Inverdurata Pachino 2018 e Spring Fashion Show

Alle 17.30 – Sala Consiliare – Palazzo Comunale
Conferenza sulla Prevenzione a cura delle malattire croniche con l’educazione terapeutica a cura APP Onlus

Dalle 18 alle 20
Giochi antichi e Piscina della Belle Parole
PIazza Vittorio Emanule
Performance Percussion Live di Paolo Greco

 

Domenica 13 maggio
Alle 17.30 – Sala Consiliare – Palazzo Comunale

Conferenza sui prodotti biologici

Ex Cinema Diana
Laboratorio Psicomotorio “in barba all’egocentrismo”, a cura ASPIF

 

Alle 18 – Cortile Palazzo Tasca
Per Bacco: La Pachino del vino alla scoperta del Nero d’Avola e del suo territorio

Chiesa Valdese
Canto in Coro. Raffaella Salerno

 

Alle 19 – Piazzale del Comune

  • Spettacolo “Triulu Malanova e Cuntentizza”
  • Degustazione prodotti del territorio

 

Alle 19.30 – Piazza Vittorio Emanuele
Concerto Orchestra Scuola Brancati

 

Alle 20 – Piazza Vittorio Emanuele
Premiazione Inverdurata 2018

 

Alle 20.30 – Piazza Vittorio Emanuele
Color Party

 

Alle 21.30 – Piazza Vittorio Emanuele
Cena Sociale

 

 

Lunedia 14 maggio
Alle 9 – Via Cavour
Visita Inverdurata da parte delle scolaresche

Alle 13 – Via Cavour
Chiusura Inverdurata 2018

 

Viva l’Inverdurata, cose buone e belle di Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.