Quei prezzi anomali sui voli dalla Sicilia. "Faremo causa alle compagnie aeree" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Catania

Lo dice la Ufta, (Universal Federation of Travel Agents Association)

Quei prezzi anomali sui voli dalla Sicilia. “Faremo causa alle compagnie aeree”

di
1 Dicembre 2016
“Le compagnie aeree hanno preso in giro i siciliani da tre anni a questa parte sul costo del biglietto aereo. L’ho detto a Taormina nei giorni scorsi agli Stati Generali del Turismo e lo ribadisco”. Lo afferma Mario Bevacqua, presidente emerito di Uftaa (Universal Federation of Travel Agents Association) Federazione internazionale degli Agenti di Viaggio. “Ci siamo già attivati per fare causa alle varie compagnie“, spiega Bevacqua che fa riferimento alla mancata applicazione da parte delle varie società, nel biglietto aereo, del costo aggiornato del carburante. L’incidenza è rimasta quella “pesante” dei 120 dollari al barile, e di riflesso i consumatori si sono dovuti accollare costi più esorbitanti per le tratte percorse. Morale della favola: un biglietto che oggi costa 100 euro, per i vertici Uftaa, potrebbe ed anzi dovrebbe costare al malcapitato di turno il 50% in meno. Il fattore che sposta le cose a danno dell’utente, per Uftaa, è “l’uso non corretto della casella che nei biglietti aerei riguarda l’aggiornamento, non avvenuto, del costo del petrolio”.

Bevilacqua“Dal 2013 al 2015 – afferma Bevacqua – per ben tre anni il carburante scese costantemente dal 1 gennaio 2013, al 31 dicembre 2015, da 120 dollari al barile sino a 35 dollari al barile. Con gli esperti della nostra federazione internazionale che si occupano specificatamente di tariffazioni aeree ma anche di tariffazioni marine ed energia per i trasporti su strada e su ferrovia, abbiamo analizzato la situazione. E abbiamo così individuato una plusvalenza che le compagnie aeree hanno avuto in questo triennio e con la quale hanno risanato i loro bilanci. Il costo del biglietto è rimasto uguale nel triennio recente, nonostante le compagnie aree nei loro regolamenti abbiano sempre specificato che il prezzo del biglietto fosse collegato a quello del costo del petrolio. Avrebbero dovuto abbassare il prezzo, invece hanno preso in giro i consumatori, tutti quanto e globalmente nel mondo. Noi come Uftaa stiamo portando avanti una grossa causa, una class action a favore dei consumatori. Non so dove arriveremo ma vogliamo dire che bisogna parlare con le carte alla mano. In Sicilia se si fosse applicato questo abbattimento delle tariffe per quanto concerne il petrolio, un biglietto che viene venduto a 100 euro sarebbe potuto scendere a 50 euro”. Secondo gli studi Uftaa svelati da Bevacqua, nel 2013 le compagnie aree avrebbero ottenuto circa 2 miliardi di dollari di profitto, nel 2014 ben 6 miliardi e 500 milioni di dollari, e la proiezione al 31 dicembre dello scorso anno parlava addirittura di 40 miliardi di dollari. E così, un biglietto da Catania per Roma può arrivare a costare al momento fino a 145 euro, mentre verso Milano la cifra sale in media a 180 euro, per impennarsi a 238 scegliendo come destinazione Torino.

Con la residua speranza di sconti last minute che consentirebbero di viaggiare nella capitale a 104 euro, e a non meno di 150 su Milano e Torino. Il carburante inciderebbe nei vari Stati tra il 35 e il 55 per cento del costo del biglietto a seconda delle tratte ma per quelle riguardanti la Sicilia, per Uftaa, oscillerebbe tra il 40 e 60 per cento. “La verità – conclude Bevacqua – è che ad oggi ancora non c’è un sistema Sicilia: l’Aeroporto di Catania fa la sua politica, quello di Palermo fa la propria, e quelli di Trapani e Comiso fanno lo stesso. E questo non va bene e conduce a quel famoso motto: “divide et impera“. E’ quello che sta avvenendo. Siamo caduti nella rete delle compagnie aree, bisogna ragionare in termini di progetto Sicilia e parlare di tutti gli aerei che arrivano in Sicilia nei vari aeroporti. Con le compagnie va fatto un discorso globale, pur mantenendo ciascuno il proprio ruolo, commerciale per le compagnie e idem vale per le agenzie di viaggio. Ma agendo a favore tutti quanti dei consumatori, con la “benedizione” dei vari assessorati regionali che devono fare la loro parte”.  

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin