15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Palermo

La puntata di "Scommettiamo che...?"

Quel giorno in cui Frizzi fu travolto dalle polemiche: “Mi imposero di andare in onda per la Strage di Capaci” | VIDEO

26 Marzo 2018

La morte del gentleman della tv, Fabrizio Frizzi, scomparso stanotte all’età di 60 anni, riporta alla mente uno degli episodi della storia della televisione italiana, riguardanti la Sicilia.

Era il 23 maggio 1992, giornata nera per la Strage di Capaci in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta. Allora non esistevano ancora programmi all news, in stile “Porta a Porta” o “Matrix”.

Alla Rai imposero a Frizzi di andare comunque in onda la sera con la puntata finale di “Scommettiamo che…?”, nonostante lui – anni dopo – rivelò di essersi opposto.

Il garbo con cui gestì quel momento resta indimenticabile, nonostante le polemiche che lo accompagnarono per giorni. Frizzi aprì la trasmissione così: “Come tutti voi, siamo colpiti per le notizie che sono appena giunte da Palermo. Ci siamo chiesti se fosse opportuno andare in onda avendo noi una puntata conclusiva, piena di voglia di fare festa. Però abbiamo pensato che fosse giusto non mancare all’appuntamento. Cercheremo di fare il nostro lavoro nel miglior modo possibile senza però dimenticare la tragedia avvenuta e l’orrore che proviamo come cittadini”.

L’anno successivo, nel 1993, rivelò a RepubblicaNon sopporto l’idea di essere diventato per quella sera il simbolo del cinismo e della superficialità. Mi fa ancora male, sono stato travolto senza rendermene conto, ma i commenti negativi che mi sono beccato ci stanno tutti. Io non credo di essere un uomo coraggioso, ma nemmeno il contrario. Non ero io che dovevo decidere: dissi che non me la sentivo. E loro hanno insistito. Non ho avuto le palle per andarmene a casa“.

Ennesima dimostrazione dell’educazione, umanità e garbo di un personaggio che resterà amato da tutti.

Riposi in pace.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.