"Quel terribile '92", il libro che raccoglie 25 testimonianze su un anno che segnò più di una generazione | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il libro scritto dal giornalista Aaron Pettinari

“Quel terribile ’92”, il libro che raccoglie 25 testimonianze su un anno che segnò più di una generazione

di
24 Maggio 2017

Ognuno di noi conserva nella memoria gli anni che, nel bene o nel male, hanno segnato la propria vita. Poi ci sono quelli che hanno segnato un’intera comunità. Con assoluta cognizione di causa il ‘92 si può definire così”.

Basterebbero queste parole di Giobbe Covatta, uno dei 25 protagonisti del libro “Quel terribile ’92” di Aaron Pettinari edito da Imprimatur, per sintetizzare quell’anno di rivoluzione e cambiamenti profondi.

Venticinque anni dopo è immediato pensare alle stragi di mafia in cui persero la vita Giovanni Falcone e Paolo Borsellino ma quella stagione è segnata anche da altri fatti come l’esplosione dell’inchiesta “Mani Pulite”, il crollo della partitocrazia, la nascita dei primi populismi, lo scoppio della guerra in Bosnia, la nascita dell’Unione Europea, la fine dell’Apartheid o la definitiva dissoluzione dell’Urss maturata alla fine di dicembre del 1991.

Aaron Pettinari

Lo sforzo di memoria di quell’anno è affidato a 25 “insoliti” testimoni. Non degli addetti ai lavori, ma semplici persone che non hanno avuto un ruolo diretto, se non quello di cittadini, rispetto a certe vicende.Sono partito con la domanda classica dov’eri e cosa stavi facendo quel 23 maggio – spiega l’autore – ma ho capito che quell’anno ha stravolto diverse vita, come ad esempio Lella Costa ha avuto il suo primo figlio, ma ci sono stati altri che hanno vissuto cambiamenti importanti in quell’anno. La maggior parte di loro seppur personaggi famosi adesso allora non erano conosciuti, muovevano i primi passi verso la notorietà. Sono 25 racconti come i 25 anni che ci separano da quell’anno, da quelle stragi“.

Grazie alle loro parole viene ricostuito quell’anno a metà tra la speranza di un cambiamento possibile e il tragico dolore. Pezzi di un puzzle che si incastrano tra loro a cominciare dal 17 febbraio del 1992, quando scoppia il caso “Tangentopoli” con l’arresto dell’ingegnere Mario Chiesa. Quella “mazzetta” da 7 milioni, ricevuta dall’imprenditore Luca Magni, dà il via all’inchiesta “Mani Pulite”. Basta scorrere ancora il calendario fino al 23 maggio per precipitare dallo scandalo alla guerra fra il potere criminale e lo Stato quando, alle 17.56, i killer di Cosa nostra innescano con un radiocomando a distanza mille chilogrammi di esplosivo, nascosti in un tombino dell’autostrada Palermo-Trapani, all’altezza dell’uscita per Capaci. Muoiono così Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani.

Appena 57 giorni dopo, alle 16.58, Palermo, e con essa l’Italia intera, sobbalza allo scoppio di una nuova bomba, stavolta in via d’Amelio. Una nuova strage in cui a perdere la vita sono Paolo Borsellino e i cinque agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. E’ il secondo colpo al cuore dello Stato da parte di Cosa nostra. Tanti gli aneddoti raccontati dai 25 interpellati a raccontare il loro 1992. Aaron Pettinari l’autore del libro, è nato a Fermo, è cresciuto e ha trascorso gran parte della sua vita tra Porto S.Elpidio e Sant’Elpidio a Mare. E’ giornalista pubblicista e capo redattore di Antimafia Duemila. Dal 2014 inviato a Palermo. Ha collaborato con I Siciliani Giovani, L’Ora Quotidiano, Il Resto del Carlino, La Gazzetta dello Sport e il quotidiano on line www.laprovinciadifermo.com.

Le 25 voci sono quelle di: Manuel Agnelli, Maurizio Bologna, Ninni Bruschetta, Loredana Cannata, Fabio Caressa, Giancarla Codrignani, Lella Costa, Giobbe Covatta, Jacopo Fo, Annalisa Insardà, Canio Loguercio, Fiorella Mannoia, Neri Marcorè, Bruno Morchio, Alberta Nunziante, Michela Ponzani, Carmela Ricci, David Riondino, Andrea Satta, Vauro Senesi, Daniele Silvestri, Sergio Staino, Flavio Tranquillo, Dario Vergassola, Stefano Vigilante. Con la postfazione di Salvatore Borsellino, che tira le fila e trae le conclusioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Ieri 19:26