Quota 100, ecco quanti hanno aderito in Sicilia :ilSicilia.it

I numeri dell'Inps

Quota 100, ecco quanti hanno aderito in Sicilia

di
6 Febbraio 2019

Partita anche in Sicilia la corsa per usufruire della riforma delle pensioni che supera la legge Fornero, la cosiddetta ‘Quota 100‘. Nell’Isola sono state presentate all’Inps 2.961 domande, dato aggiornato alle 19 del 5 febbraio. In percentuale, si tratta del 12,6% del totale delle istanze di tutta Italia. Lo ha comunicato lo stesso Istituto di previdenza.

Andiamo a vedere, provincia per provincia, i numeri di quanti hanno scelto di accedere alla finestra aperta da governo nazionale: il numero maggiore nella provincia di Palermo, con 747 istanze. Seguono Catania, con 659 domande,, Messina con 415, Agrigento con 252, Trapani con 249, Siracusa con 221, Enna con 141, Caltanissetta con 140 e Ragusa con 137.

 

LEGGI ANCHE:

Quota 100 e reddito di cittadinanza, in Sicilia ne hanno diritto 270mila

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.