Racket: imprenditore collabora con i carabinieri, due arresti nel catanese :ilSicilia.it
Catania

OPERAZIONE ANTIMAFIA IN TERRITORIO ETNEO

Racket: imprenditore collabora con i carabinieri, due arresti nel catanese

17 Luglio 2019

Un imprenditore vittima del racket collabora con i carabinieri e fa arrestare due estorsori nel catanese.

In manette sono finiti Mario Montagno Bozzone, 49 anni, di Bronte, considerato “vicino” al clan mafioso dei Mazzei di Catania e già condannato per associazione mafiosa, e Salvatore Gulino, 48 anni, di Maletto. Entrambi dovranno rispondere del reato di concorso in estorsione aggravata, commesso con l’aggravante del metodo mafioso.

Grazie ad una preventiva attività info-investigativa, gli investigatori erano venuti a conoscenza che un importante imprenditore della zona, con diversi cantieri edili attivi in tutta la Sicilia, era stato avvicinato da esponenti della criminalità organizzata che avrebbero preteso il “pizzo”. L’imprenditore, invitato in caserma, è stato sentito dai militari e superando i comprensibili timori per la propria incolumità e di quella della sua famiglia, riferiva quanto gli stava accadendo.

In particolare, l’imprenditore edile ha riferito che, dopo essersi aggiudicato l’appalto relativo ai lavori di riqualificazione delle case popolari del comune di Bronte, per un importo di 6 milioni di euro, era stato avvicinato da un esponente della criminalità organizzata locale, che lo contattava tramite una seconda persona e che in cambio di “protezione” pretendeva 120 mila euro, somma corrispondente al 2% dell’ammontare dell’intero appalto.

I carabinieri hanno cosi’ teso una trappola bloccando i due indagati presso uno dei depositi della ditta, nel comune di Maletto, dopo che avevano ricevuto dalle mani della vittima una busta contenente 5.000 euro in contanti. Gli arrestati sono stati accompagnati presso il carcere di Catania-Bicocca. Il gip di Catania ha convalidato il loro arresto disponendo per entrambi la custodia cautelare in carcere

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.