15 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.40
Catania

OPERAZIONE ANTIMAFIA IN TERRITORIO ETNEO

Racket: imprenditore collabora con i carabinieri, due arresti nel catanese

17 Luglio 2019

Un imprenditore vittima del racket collabora con i carabinieri e fa arrestare due estorsori nel catanese.

In manette sono finiti Mario Montagno Bozzone, 49 anni, di Bronte, considerato “vicino” al clan mafioso dei Mazzei di Catania e già condannato per associazione mafiosa, e Salvatore Gulino, 48 anni, di Maletto. Entrambi dovranno rispondere del reato di concorso in estorsione aggravata, commesso con l’aggravante del metodo mafioso.

Grazie ad una preventiva attività info-investigativa, gli investigatori erano venuti a conoscenza che un importante imprenditore della zona, con diversi cantieri edili attivi in tutta la Sicilia, era stato avvicinato da esponenti della criminalità organizzata che avrebbero preteso il “pizzo”. L’imprenditore, invitato in caserma, è stato sentito dai militari e superando i comprensibili timori per la propria incolumità e di quella della sua famiglia, riferiva quanto gli stava accadendo.

In particolare, l’imprenditore edile ha riferito che, dopo essersi aggiudicato l’appalto relativo ai lavori di riqualificazione delle case popolari del comune di Bronte, per un importo di 6 milioni di euro, era stato avvicinato da un esponente della criminalità organizzata locale, che lo contattava tramite una seconda persona e che in cambio di “protezione” pretendeva 120 mila euro, somma corrispondente al 2% dell’ammontare dell’intero appalto.

I carabinieri hanno cosi’ teso una trappola bloccando i due indagati presso uno dei depositi della ditta, nel comune di Maletto, dopo che avevano ricevuto dalle mani della vittima una busta contenente 5.000 euro in contanti. Gli arrestati sono stati accompagnati presso il carcere di Catania-Bicocca. Il gip di Catania ha convalidato il loro arresto disponendo per entrambi la custodia cautelare in carcere

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.