Raddoppio Cefalù-Castelbuono, tensione nel cantiere: "Tutto fermo, preoccupazione alta" :ilSicilia.it
Palermo

Giovedì 9 tavolo all'assessorato Infrastrutture

Raddoppio Cefalù-Castelbuono, tensione nel cantiere: “Tutto fermo, preoccupazione alta”

di
7 Gennaio 2020

Si è svolto oggi un presidio con le bandiere di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil nei pressi del cantiere del raddoppio ferroviario Cefalù Ogliastrillo-Castelbuono, con una rappresentanza di una ventina di lavoratori.

Dai sindacati arriva la conferma che il cantiere della Toto Costruzioni è rimasto fermo dopo la pausa festiva. “Speravamo che il cantiere ripartisse oggi, anche in parte, con un minimo di attività, ma invece gli opera edili attualmente impiegati non sono stati richiamati al lavoro e sono rimasti a casa  e non era presente nessuno  delle imprese affidatarie – dichiarano i segretari generali di Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulo di Filca Cisl Palermo Trapani Francesco Danese e Pasquale De Vardo, segretario generale Feneal Uil tirrenica – Abbiamo registrato, come si temeva, il fermo totale dei lavori. L’allarme rimane alto e ci aspettiamo che dalla convocazione di giovedì  prossimo risposte risolutive per fare ripartire il cantiere”.

Il 9 gennaio alle 15 si terrà un tavolo presso l’assessorato alle Infrastrutture, al quale sono state invitate a partecipare le organizzazioni sindacali.Raddoppio Cefalù Ogliastrillo-Castebuono “A seguito del nostro intervento del giorno 3, quando abbiamo lanciato l’allarme per l’annunciata l’interruzione dei lavori, la Regione, con l’assessore Marco Falcone, si è subito attivata per la convocazione del tavolo – aggiungono Ceraulo, Danese e De Vardo – Tra oggi e domani ci aspettiamo l’arrivo di  notizie rassicuranti dalla Toto Costruzioni e che i lavori possano ripartire in tempo brevi. Fare il punto della situazione è fondamentale per fare chiarezza tra le parti sullo stato dell’opera  ed eliminare gli ostacoli che rischiano di creare un’altra incompiuta. Questa infrastruttura targata Rfi è fondamentale per il rilancio del territorio e non può essere interrotta dopo pochi mesi dall’avvio: si tratta di uno dei pochi  cantieri  in corso nella nostra provincia”. 

Le attività sul cantiere della Cefalù-Castelbuono avevano già subito i primi rallentamenti a fine novembre. I sindacati avevano appreso che i ritardi erano dovuti ai pagamenti non corrisposti per gli stati di avanzamento lavori. Gli incassi dei Sal nel frattempo sono stati saldati da Rfi all’impresa. Attualmente si sta realizzando  la Finestra di Sant’Ambrogio, lunga circa 750 metri, che servirà sia per aprire due fronti di scavo della galleria Sant’Ambrogio, lunga 4,15 km, sia per garantire in fase di esercizio un’uscita di sicurezza dalla galleria ferroviaria. L’intera opera, per un investimento complessivo di circa 500 milioni di euro, è il proseguimento del raddoppio già in esercizio fra Cefalù Ogliastrillo e Fiumetorto.

 

 

LEGGI ANCHE:

“Stop al raddoppio Cefalù-Castelbuono”, rischio nuove incompiute in Sicilia

Raddoppio Cefalù-Castelbuono, le Ferrovie bacchettano la Toto: “Mantenga gli impegni” | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.