Raddoppio Cefalù-Castelbuono, tensione nel cantiere: "Tutto fermo, preoccupazione alta" :ilSicilia.it
Palermo

Giovedì 9 tavolo all'assessorato Infrastrutture

Raddoppio Cefalù-Castelbuono, tensione nel cantiere: “Tutto fermo, preoccupazione alta”

di
7 Gennaio 2020

Si è svolto oggi un presidio con le bandiere di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil nei pressi del cantiere del raddoppio ferroviario Cefalù Ogliastrillo-Castelbuono, con una rappresentanza di una ventina di lavoratori.

Dai sindacati arriva la conferma che il cantiere della Toto Costruzioni è rimasto fermo dopo la pausa festiva. “Speravamo che il cantiere ripartisse oggi, anche in parte, con un minimo di attività, ma invece gli opera edili attualmente impiegati non sono stati richiamati al lavoro e sono rimasti a casa  e non era presente nessuno  delle imprese affidatarie – dichiarano i segretari generali di Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulo di Filca Cisl Palermo Trapani Francesco Danese e Pasquale De Vardo, segretario generale Feneal Uil tirrenica – Abbiamo registrato, come si temeva, il fermo totale dei lavori. L’allarme rimane alto e ci aspettiamo che dalla convocazione di giovedì  prossimo risposte risolutive per fare ripartire il cantiere”.

Il 9 gennaio alle 15 si terrà un tavolo presso l’assessorato alle Infrastrutture, al quale sono state invitate a partecipare le organizzazioni sindacali.Raddoppio Cefalù Ogliastrillo-Castebuono “A seguito del nostro intervento del giorno 3, quando abbiamo lanciato l’allarme per l’annunciata l’interruzione dei lavori, la Regione, con l’assessore Marco Falcone, si è subito attivata per la convocazione del tavolo – aggiungono Ceraulo, Danese e De Vardo – Tra oggi e domani ci aspettiamo l’arrivo di  notizie rassicuranti dalla Toto Costruzioni e che i lavori possano ripartire in tempo brevi. Fare il punto della situazione è fondamentale per fare chiarezza tra le parti sullo stato dell’opera  ed eliminare gli ostacoli che rischiano di creare un’altra incompiuta. Questa infrastruttura targata Rfi è fondamentale per il rilancio del territorio e non può essere interrotta dopo pochi mesi dall’avvio: si tratta di uno dei pochi  cantieri  in corso nella nostra provincia”. 

Le attività sul cantiere della Cefalù-Castelbuono avevano già subito i primi rallentamenti a fine novembre. I sindacati avevano appreso che i ritardi erano dovuti ai pagamenti non corrisposti per gli stati di avanzamento lavori. Gli incassi dei Sal nel frattempo sono stati saldati da Rfi all’impresa. Attualmente si sta realizzando  la Finestra di Sant’Ambrogio, lunga circa 750 metri, che servirà sia per aprire due fronti di scavo della galleria Sant’Ambrogio, lunga 4,15 km, sia per garantire in fase di esercizio un’uscita di sicurezza dalla galleria ferroviaria. L’intera opera, per un investimento complessivo di circa 500 milioni di euro, è il proseguimento del raddoppio già in esercizio fra Cefalù Ogliastrillo e Fiumetorto.

 

 

LEGGI ANCHE:

“Stop al raddoppio Cefalù-Castelbuono”, rischio nuove incompiute in Sicilia

Raddoppio Cefalù-Castelbuono, le Ferrovie bacchettano la Toto: “Mantenga gli impegni” | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin