Raddoppio Cefalù-Castelbuono, Falcone: "Confidiamo nella rapidità dei lavori" | VIDEO :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

il sopralluogo

Raddoppio Cefalù-Castelbuono, Falcone: “Confidiamo nella rapidità dei lavori” | VIDEO

di
20 Aprile 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Oggi l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, ha fatto visita odierna al cantiere del raddoppio ferroviario “Cefalù Ogliastrillo-Castelbuono”, nel Palermitano. Erano presenti anche i sindaci di Castelbuono, Cefalù, Montemaggiore Belsito e Pollina, il dirigente Rfi Maurizio Infantino, i tecnici dell’impresa Toto costruzioni

Oggi a Cefalù siamo andati in visita al cantiere più importante di Sicilia, assieme al raddoppio della Palermo-Catania: la nuova linea ferroviaria tra Ogliastrillo e Castelbuono, dal valore di quasi mezzo miliardo. Ben dodici chilometri di tratta di cui la metà in galleria che avevamo trovato in abbandono, un’opera bloccata, un danno per l’intera Sicilia”, ha dichiarato l’assessore Falcone.

Il Governo Musumeci, assieme a Rfi e all’impresa affidataria, ha lavorato per superare le difficoltà e rianimare i lavori, adesso giunti a circa cinquanta milioni di euro di produzione. Siamo soddisfatti, ma confidiamo in un rapido e ulteriormente deciso salto di qualità sulle tempistiche”.

L’esponente del governo Musumeci ha visitato la costruenda galleria Malpertugio, il fronte alla stazione di Castelbuono e il campo base del cantiere. In mattinata, invece, si era svolta una riunione operativa a Cefalù per superare la vertenza fra Comune e Rfi a proposito della progettazione della nuova stazione ferroviaria cefaludese.

Siamo impegnati – ha aggiunto l’assessore alle Infrastrutture – per risolvere in breve tempo alcune difficoltà tecniche, facendo appello al senso di responsabilità di tutti gli attori istituzionali e senza fare mancare ogni possibile supporto dalla Regione. Stiamo spingendo sul raddoppio Cefalù-Castelbuono perché lo riteniamo un’infrastruttura di grande valore”.

La città verrà liberata dal traffico ferroviario che aumenterà in velocità e qualità. Dopo decenni d’attesa – conclude Falcone – ammoderniamo la mobilità in un comprensorio territoriale strategico per turismo e attività produttive”.

 

LE FOTO:

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti