Raddoppio del Ponte Corleone: finalmente ecco il bando :ilSicilia.it
Palermo

Dopo l'inchiesta de ilSicilia.it ripresa poi da Striscia

Raddoppio del Ponte Corleone: finalmente ecco il bando

di
22 Febbraio 2019

Si sblocca finalmente l’atteso bando per la revisione del progetto di Raddoppio del Ponte Corleone, sulla Circonvallazione di Palermo.

Dopo l’inchiesta de ilSicilia.it sul rischio di perdere i fondi del “Patto per Palermo” (ripresa poi anche da Striscia la Notizia), il Comune infatti ha pubblicato ieri la «gara europea per l’affidamento del servizio di revisione della progettazione definitiva esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, direzione lavori, misura, contabilità, assistenza al collaudo e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione per la costruzione per il “Raddoppio della Circonvallazione di Palermo” relativo al tronco compreso tra via Giafar e via Altofonte, Progetto ex Agensud 32/8/a – Progetto stralcio relativo ai lavori di costruzione dei ponti laterali sul fiume Oreto. CIG: 743304137». 

Raddoppio Ponte Corleone (rendering)
Raddoppio Ponte Corleone (rendering)

Il progetto si arenò nel 2008, quando fu rescisso l’appalto alla Cariboni, che realizzò appena il 15% dell’opera. Palazzo delle Aquile optò per la rescissione “per grave inadempimento contrattuale”, in quanto i lavori partiti nel 2007 erano sostanzialmente fermi. Da qui la rescissione anche del progetto del Sottopasso di via Perpignano (sempre della Cariboni) mai partito. Dopo oltre 10 anni c’è ancora una causa in corso (LEGGI QUI).

Il bando pubblicato ieri scadrà il 17 aprile 2019 e ha un valore di 1,3 milioni; l’intero appalto invece sarà affidato entro l’anno con un altro bando che avrà un importo di 17 milioni di euro, finanziati dal “Patto per Palermo”.

Patto x Palermo, termine 31.12.2019 Gazzetta Ufficiale
Patto per Palermo, termine 31.12.2019 Gazzetta Ufficiale [Frame da Striscia]
Come avevamo denunciato un anno fa, c’è il rischio concreto della perdita dei fondi. Infatti, come sottolinea l’Arch. Nicola Di Bartolomeo, Capo Area Infrastrutture, bisogna«scongiurare che sia arrecato all’ente un danno all’erario derivante dall’eventuale ritardata attuazione di un’operazione specificamente individuata nel Patto per lo sviluppo della città di Palermo, per la quale la delibera CIPE 25 del 10 agosto 2016 IMPONE che le obbligazioni giuridicamente vincolanti per l’affidamento dei lavori devono essere assunte entro il termine ultimo del 31 dicembre 2019». 

Riepilogando, in meno di un anno si deve:

  • Conoscerne l’esito della gara ed eventuali ricorsi;
  • Ri-progettare le due bretelle laterali (3 mesi circa: luglio/agosto 2019) ;
  • Approvazione del nuovo progetto;
  • Nuova gara per i lavori da 17 milioni che, secondo previsione, dovrebbero avere una durata di 2 anni. «Data presunta di inizio lavori: fra gennaio e marzo 2020», scrive il Comune nelle sue (ottimistiche) previsioni.

Una vicenda surreale che speriamo possa concludersi per il meglio.

I DATI DELL’APPALTO

raddoppio ponte corleone
Raddoppio Ponte Corleone (rendering) © D.G.

Stazione appaltante: Comune di Palermo

RUP: Ing. Massimo Verga

Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Importo a base di gara: 1.156.828,39 €
Data pubblicazione bando: 21/02/2019
Data scadenza bando: 17/04/2019 entro le 12:00

IL BANDO è stato:

  • trasmesso alla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea il 18/02/2019
  • pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana
  • pubblicato su due quotidiani a diffusione nazionale e due quotidiani a diffusione locale;
  • pubblicato sul profilo del soggetto banditore (http//www.comune.palermo.it)
  • trasmesso al MIT, per la pubblicazione sull’apposito sito web dello stesso Ministero;
  • trasmesso all’ANAC, per la pubblicazione sulla piattaforma digitale dei bandi di gara, istituita presso la stessa Autorità.

Ecco il servizio di Striscia di un anno fa:

LEGGI ANCHE:

ESCLUSIVO, Ponte Corleone: persi altri 6 mesi, a rischio i fondi

ESCLUSIVO. Corsa contro il tempo per il Ponte Corleone: pronto il bando

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.