18 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.55
Messina

Pronto un atto di indirizzo

Raddoppio ferroviario: Giardini Naxos dà le sue condizioni a Rfi

27 Dicembre 2018

Si va verso la stretta finale nel braccio di ferro ingaggiato dal Comune di Giardini con Rfi sulla stesura del progetto definitivo per il raddoppio ferroviario Giampilieri-Fiumefreddo. Dopo la presa di posizione della Giunta che ha già a sua volta avviato l’iter fare ricorso al Tar del Lazio, a Naxos ora il Consiglio comunale si appresta anch’esso a prendere posizione sul progetto del raddoppio.

Giardini non ci sta alla prospettiva della stazione “Madonnina” col solo nome di Taormina e senza quello di Naxos, ma al contempo chiede anche l’interconnessione tra la stazione Alcantara (Trappitello) con la tratta Alcantara-Randazzo (che dovrà poi essere riattivata). E allora, mentre secondo alcune indiscrezioni Rfi si appresterebbe ad ammettere Giardini alla conferenza servizi non più da ente “uditore” ma da ente con diritto di voto, l’Aula consiliare si appresta a discutere un atto d’indirizzo nel quale si intende “dare mandato al sindaco di intraprendere tutte le iniziative necessarie ed indispensabili a porre in essere le intenzioni del Consiglio Comunale, soluzioni alcune di carattere “ verbale e di immagine” altre invece strategiche”.

Giardini Naxos

Giardini chiederà, nel dettaglio, i seguenti punti: “Denominazione della nuova stazione di Taormina in : Taormina – Giardini Naxos, ovvero in subordine, denominazione della nuova stazione di Alcantara, già denominata “Alcantara Giardini”, in “Giardini Naxos – Alcantara”; 2) che la nuova stazione di Alcantara preveda la fermata di tutti i treni passeggeri compresi quelli a lunga percorrenza, veloci (Tratte nazionali); 3) la fermata anche per i treni che collegano il comprensorio Taorminese con l’aeroporto di Catania Fontanarossa “V. Bellini”.

taormina dall'alto
Taormina

Il Comune di Giardini vuole le seguenti altre modifiche: “la predisposizione di un ascensore di interscambio per un futuro collegamento con l’esistente tratta Alcantara – Randazzo; la valutazione in fase di nuova progettazione di una interconnessione con la linea Alcantara-Randazzo; la realizzazione di un collegamento veloce viario fra la prevista “Giardini Naxos – Alcantara” e l’esistente stazione “Alcantara” o altra zona da individuare meglio quale ad esempio lo svincolo autostradale, per una distanza di circa 3 km, tramite o una nuova bretella stradale che bypass il centro abitato di Trappitello evitando inutili congestionamenti al già rilevante traffico lungo la SS 185, o sfruttando l’attuale tracciato ferroviario dell’Alcantara – Randazzo”.

stazione-di-taorminaEd ancora si chiede che: All’attuale stazione “Taormina – Giardini” vengano attestati i treni di collegamento fra l’intero comprensorio da e per l’aeroporto di Catania Fontanarossa “V. Bellini””. Infine “una valutazione con studio di fattibilità da parte RFI sull’utilizzo di tale tratta nelle due seguenti ipotesi”. L’atto di indirizzo, se esitato, richiederà pure ulteriori aspetti quali: “utilizzo quale metro di superfice con eventuale estensione al comune di Letoianni qualora interessato dopo un riscontro positivo dello studio di fattibilità; fruibilità del tratto comunale quale nuova viabilità interna. In quest’ultimo caso la cessione da parte Rfi dalle aree attualmente interessate dalla tratta ferroviaria che attraversa il territorio del Comune di Giardini Naxos nella disponibilità dello stesso comune”.

“La nostra posizione vuole tutelare Giardini – spiega Bevacqua -. Personalmente sono favorevole all’opera e credo si può trovare un punto d’intesa con Rfi. Buona parte delle cose inserite nella proposte di delibera potrebbero essere integrate senza difficoltà nel progetto”.

Bevacqua invece sulla metropolitana leggera commenta: “Di alcuni altri aspetti potrebbero farsi carico Regione e Rfi. Sinceramente non credo che della gestione possa occuparsi l’Unione dei Comuni o altra forma locale, i costi sono elevati”.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.