Raddoppio ferroviario: i vertici Rfi pronti a incontrare il Comune di Giardini :ilSicilia.it
Messina

si cerca un'intesa sulla nuova stazione

Raddoppio ferroviario: i vertici Rfi pronti a incontrare il Comune di Giardini

di
1 Dicembre 2018

I vertici territoriali di Rfi ed il Comune di Giardini Naxos saranno a confronto in settimana entrante per affrontare allo stesso tavolo la spinosa questione dei malumori evidenziati dalla casa municipale naxiota sul progetto per il raddoppio ferroviario Giampilieri-Fiumefreddo.

L’addio alla stazione ferroviaria Taormina-Giardini, ed il conseguente trasferimento della stazione nel solo territorio di Taormina (stazione Madonnina, ai piedi del centro storico di Taormina) e soltanto con il nome della Perla dello Ionio, suscita le proteste del Comune di Giardini, che teme riflessi negativi per il turismo e l’immagine della propria città. Il sindaco Nello Lo Turco ha anche ipotizzato un’eventuale azione finalizzata al risarcimento danni se la futura stazione non dovesse più avere il nome di Giardini.

La stazione Alcantara-Giardini prevista a Trappitello viene vista a Giardini come “un contentino” e allora le parti si troveranno ad un tavolo per affrontare la questione. Al tavolo per un confronto sulla situazione si troveranno il sindaco Nello Lo Turco e l’ing. Salvatore Leocata (Direttore Investimenti – Area Sud –. Progetti Catania – Rfi – Gruppo Ferrovie dello Stato), alla presenza anche del presidente del Consiglio comunale, Danilo Bevacqua e dell’esperto del sindaco, Antonio Veroux. Il faccia a faccia potrebbe tenersi già venerdì prossimo.

Rfi ci ha contattato nelle scorse ore – spiega il presidente Bevacqua – e nei prossimi giorni avremo una riunione per discutere la problematica. Per il momento posso soltanto dire che vogliamo portare avanti con determinazione le nostre legittime istanze a tutela della città di Giardini ed anche per scongiurare quello che potrebbe essere un importante contraccolpo negativo di carattere turistico ed economico sul nostro territorio in presenza di una stazione ferroviaria. Nella nostra azione non c’è spirito polemico e siamo disponibili alla massima collaborazione ma chiediamo che venga rispettata la Città di Giardini Naxos, seconda stazione turistica siciliana che fa registrare ogni anno circa Un milione di presenze in questo territorio“.

“Chiediamo intanto che Giardini possa avere un ruolo attivo nell’iter in corso della conferenza dei servizi per il progetto definitivo – continua Bevacqua – e quindi poter essere non soltanto uditore ma soggetto con pari dignità rispetto agli altri Comuni della zona, in grado di portare le proprie osservazioni e proposte, come ha bene evidenziato nel corso del suo intervento a Roma l’esperto del sindaco, Veroux”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin