Raddoppio ferroviario Me-Ct: si parte nel 2020 con la tratta Fiumefreddo-Letojanni :ilSicilia.it
Messina

il via alle opere con l'appalto da 900 milioni

Raddoppio ferroviario Me-Ct: si parte nel 2020 con la tratta Fiumefreddo-Letojanni

di
2 Ottobre 2018

Faccia a faccia tra il sindaco di Taormina, Mario Bolognari ed Rfi per il previsto raddoppio ferroviario della tratta Giampilieri-Fiumefreddo che, tra i vari territori della provincia di Messina e quelli di Catania che verranno interessati dall’iniziativa, prevede anche la collocazione strategica di due nuove stazioni a Taormina, in via Garipoli e nella cittadina di Trappitello.

La riunione tra il professore Bolognari e l’ingegnere Salvatore Leocata (Direttore Investimenti – Area Sud – RFI Gruppo Ferrovie dello Stato) è servita per fare il punto della situazione sulla maxi-opera che interesserà in modo significativo la Città di Taormina.

“Stando a quanto ci è stato spiegato dalle Ferrovie dello Stato – ha reso noto il sindaco Bolognari – è in corso al momento la valutazione di impatto ambientale. Avremo tempo fino al febbraio 2019 per produrre le eventuali ed opportune osservazioni sull’opera che si avvia, comunque, verso la fase di definizione del progetto e si avvicina al successivo avvio degli interventi. Nel mese di novembre, intanto, si terrà una conferenza servizi propedeutica all’approvazione definitiva delle opere, ed i sindaci nell’occasione verremo convocati a Roma per prendere parte a questa riunione generale”.

“Come detto stiamo parlando di un iter da concludere entro febbraio – continua il primo cittadino – sia per quanto attiene l’impatto ambientale che per l’assetto finale del progetto. Le Ferrovie intendono partire dalla tratta Fiumefreddo-Letojanni, con un appalto da 900 milioni di euro (che dovrebbe vedere l’apertura del cantiere nel 2020). L’iniziativa è già stata finanziata e ha tutte le risorse economiche che occorrono”.

Nel corso del colloquio sul raddoppio ferroviario tra il sindaco e i dirigenti di Rfi è stata anche ribadita ai vertici del Comune di Taormina la rassicurazione sulle modalità in cui verranno eseguiti i lavori.

“Si tratta di opere che non prevedono la chiusura della via Mario e Nicolò Garipoli (bretella A18) per un anno come inizialmente si era temuto o altri disagi del genere. La nuova linea si muoverà, nel nostro territorio, lungo una tratta di 6 km di galleria da contrada fiascara (Case popolari-zona Feo Coniglio) e poi scenderà a Letojanni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin