Raddoppio ferroviario Me-Ct: si parte nel 2020 con la tratta Fiumefreddo-Letojanni :ilSicilia.it
Messina

il via alle opere con l'appalto da 900 milioni

Raddoppio ferroviario Me-Ct: si parte nel 2020 con la tratta Fiumefreddo-Letojanni

di
2 Ottobre 2018

Faccia a faccia tra il sindaco di Taormina, Mario Bolognari ed Rfi per il previsto raddoppio ferroviario della tratta Giampilieri-Fiumefreddo che, tra i vari territori della provincia di Messina e quelli di Catania che verranno interessati dall’iniziativa, prevede anche la collocazione strategica di due nuove stazioni a Taormina, in via Garipoli e nella cittadina di Trappitello.

La riunione tra il professore Bolognari e l’ingegnere Salvatore Leocata (Direttore Investimenti – Area Sud – RFI Gruppo Ferrovie dello Stato) è servita per fare il punto della situazione sulla maxi-opera che interesserà in modo significativo la Città di Taormina.

“Stando a quanto ci è stato spiegato dalle Ferrovie dello Stato – ha reso noto il sindaco Bolognari – è in corso al momento la valutazione di impatto ambientale. Avremo tempo fino al febbraio 2019 per produrre le eventuali ed opportune osservazioni sull’opera che si avvia, comunque, verso la fase di definizione del progetto e si avvicina al successivo avvio degli interventi. Nel mese di novembre, intanto, si terrà una conferenza servizi propedeutica all’approvazione definitiva delle opere, ed i sindaci nell’occasione verremo convocati a Roma per prendere parte a questa riunione generale”.

“Come detto stiamo parlando di un iter da concludere entro febbraio – continua il primo cittadino – sia per quanto attiene l’impatto ambientale che per l’assetto finale del progetto. Le Ferrovie intendono partire dalla tratta Fiumefreddo-Letojanni, con un appalto da 900 milioni di euro (che dovrebbe vedere l’apertura del cantiere nel 2020). L’iniziativa è già stata finanziata e ha tutte le risorse economiche che occorrono”.

Nel corso del colloquio sul raddoppio ferroviario tra il sindaco e i dirigenti di Rfi è stata anche ribadita ai vertici del Comune di Taormina la rassicurazione sulle modalità in cui verranno eseguiti i lavori.

“Si tratta di opere che non prevedono la chiusura della via Mario e Nicolò Garipoli (bretella A18) per un anno come inizialmente si era temuto o altri disagi del genere. La nuova linea si muoverà, nel nostro territorio, lungo una tratta di 6 km di galleria da contrada fiascara (Case popolari-zona Feo Coniglio) e poi scenderà a Letojanni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.