Raddoppio Rfi a Taormina: corsa contro il tempo per la strada bypass a Trappitello :ilSicilia.it
Messina

serve l'alternativa alla SS185

Raddoppio Rfi a Taormina: corsa contro il tempo per la strada bypass a Trappitello

di
19 Ottobre 2021

Si avvicina il momento dell’avvio dei lavori per il raddoppio della linea ferroviaria, che a Taormina prevede due nuove stazioni nel proprio territorio (una sarà quella sotterrane del piazzale Madonnina e l’altra a Trappitello) e si va verso una vera e propria corsa contro il tempo per l’attesa realizzazione di un’opera complementare che appare fondamentale nella popolosa frazione taorminese di Trappitello.

In vista dei lavori di Rfi qui si attende, infatti, la pista di cantiere che a Trappitello, da Santa Venera sino alla zona alle spalle delle case popolari, dovrebbe rappresentare l’alternativa alla SS185 (Via Francavilla), dove i lavori per la nuova linea ferroviaria rischiano di impegnare la strada principale di Trappitello con l’enorme carico di almeno 300 passaggi al giorno di mezzi pesanti che per le attività di cantiere si muoveranno in questa zona. Una pressione che sarebbe insostenibile e che sin d’ora appare impensabile per la Ss185.

In buona sostanza, i lavori per la nuova linea ferroviaria dovrebbero scattare nel 2022, ma appare sempre più difficile (se non impossibile) che per allora possa diventare già realtà (o che anche solo sia riesca a dare il via al cantiere) per la strada salva-traffico a Trappitello, l’arteria che dovrà rappresentare l’alternativa funzionale quotidiana ai flussi di transito della Via Francavilla a Trappitello. 

La strada bypass a Trappitello, che si prevede intanto in via provvisoria e che poi potrebbe essere ripensata per rimanere in attività in via definitiva anche per il futuro, è un’opera che il Comune, ovviamente, non può realizzare con le proprie risorse e rientrerà nel contesto delle opere complementari all’esecuzione dei lavori per il raddoppio ferroviario. Ma l’iter che sembra non decollare. Da una parte il Comune attende novità su tempi e modalità dell’intervento, dall’altro si attendono le mosse di RFI e Regione. Intanto i mesi trascorrono e la pista di cantiere – che potrebbe poi essere adeguata, rivista e restare anche per gli anni successivi – necessiterà di tempo per diventare realtà.

La strada alternativa alla Ss185 dovrebbe costare 3 milioni di euro ma l’infrastruttura potrebbe avere importi anche più contenuti. Il problema, in questo caso, non è quello dei costi ma dei tempi in cui si potranno avviare i lavori e soprattutto le lungaggini burocratiche e la trafila di adempimenti che rischierebbe di rendere lunga una procedura per un’opera di cui ci sarà bisogno non tra qualche anno ma già nei prossimi mesi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin