Ragauk Sicilija (Assaggia la Sicilia), ovvero come vendere il vino siciliano in Lituania. Video intervista a Giovanni Callea | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Un progetto di marketing i cui risultati sono molto promettenti

Ragauk Sicilija (Assaggia la Sicilia), ovvero come vendere il vino siciliano in Lituania. Video intervista a Giovanni Callea

1 Giugno 2017

In una terra in cui solo il 30% del vino prodotto viene imbottigliato per raggiungere gli scaffali dei negozi nazionali ed internazionali, mentre il 70% viene svenduto sfuso a circa 30 centesimi al litro, c’è chi ha pensato bene di provare a vendere il “nettare degli Dei” in Lituania.

Ne parliamo con Giovanni Callea, responsabile di Ragauk Sicilija. Un progetto di marketing calibrato su una nazione di piccole dimensioni e con una popolazione di circa 3 milioni di abitanti. Il contesto ideale per avviare un progetto pilota passando dalle parole ai fatti. Perché, come dice Giovanni, “noi siciliani siamo sempre molto bravi a parlare, sappiamo cosa fare in teoria ma quando si tratta di praticarla evitiamo di metterci in gioco”.

I risultati sono molto promettenti e dimostrano che quello del vino è un mercato interessante nel quale la Sicilia può conquistare davvero un ruolo di leadership in Europa, “ma solo – sottolinea Callea – se riuscirà ad inserirsi nella cornice più ampia del marketing del territorio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.