Ragusa-Catania: ok al progetto, la Regione anticipa 600 milioni :ilSicilia.it
Catania

Cantieri al via entro 2 anni

Ragusa-Catania: ok al progetto, la Regione anticipa 600 milioni

di
17 Marzo 2020

La superstrada Ragusa-Catania sarà realizzata con una anticipazione finanziaria della Regione e con la procedura affidata al governatore Nello Musumeci, in qualità di commissario. Lo ha deciso pochi minuti fa il Cipe.

“Mi sembra un significativo passo avanti – dice Musumeci anticiperemo oltre 600 milioni di euro sui 750 previsti. È una sfida che dobbiamo vincere, dopo decenni di chiacchiere. Ringrazio il governo Conte e in particolare il vice ministro Cancellieri, il ministro Provenzano e l’assessore Falcone per l’importante lavoro preparatorio condotto in questi mesi”.

L’assessore regionale ai Trasporti, Marco Falcone, aggiunge: “Andiamo avanti. Impegno mantenuto sulla nuova Catania-Ragusa: oggi il Cipe ha approvato il progetto. L’infrastruttura si farà e la Regione Siciliana investirà oltre 600 milioni di euro. Il presidente Nello Musumeci, così come da noi richiesto, sarà il commissario straordinario dell’opera. Saremo in prima linea, vigilando sull’iter che entro 24 mesi dovrà portare all’avvio dei lavori“.

“La percorrenza della tratta non comporterà la corresponsione di alcun pedaggio che invece, secondo il modello concessorio previgente, era superiore a 15 euro per l’intera tratta”. Lo afferma il ministro dei Trasporti Paola De Micheli in una nota.

L’infrastruttura, che assicurerà un collegamento stradale strategico, veloce e sicuro nel settore sud-orientale della Sicilia, verrà realizzata da Anas che subentrerà al precedente concessionario, precisa il Mit. L’opera sarà finanziata totalmente con risorse pubbliche per un totale di 754,2 milioni di euro, ripartiti tra Regione Sicilia e Anas. La Ragusa-Catania, evidenzia ancora il Ministero, costituisce il primo esempio di applicazione dell’articolo 35 del Milleproroghe, che prevede la possibilità da parte di Anas di eseguire direttamente lavori per conto dello Stato subentrando anche nei contratti di concessione non più efficaci.

ragusa-catania mappaSoddisfazione dal sindaco di Catania, Salvo Pogliese: “Finalmente dal Cipe è arrivata la tanto attesa svolta per realizzare un’infrastruttura indispensabile per il Sud Est della Sicilia. Avevamo auspicato insieme ai sindaci dei comuni attraversati dalla Catania-Ragusa un cambio di passo, che finalmente è arrivato grazie a una sinergica collaborazione tra il governo nazionale e quello regionale. La tenacia e la fermezza del presidente della Regione Nello Musumeci e dell’assessore Marco Falcone, ma anche la convinta determinazione del viceministro Cancelleri a realizzare l’opera – aggiunge Pogliese – meritano un convinto apprezzamento da parte dei cittadini che da decenni aspettano che si apra il cantiere. Un’intesa le cui basi furono gettate proprio nella riunione che si tenne alla presenza in Municipio a Catania, lo scorso 22 Ottobre, appena poche settimane dopo l’insediamento del viceministro Cancelleri. Insieme con gli altri sindaci, nell’esprimere soddisfazione per la soluzione trovata e la nomina di Musumeci a commissario per realizzare l’opera, auspichiamo – conclude il sindaco di Catania – un incontro a breve, pur nel tempo dell’emergenza virus che attraversiamo, per conoscere i dettagli del progetto e soprattutto i tempi di apertura dei cantieri che dovranno essere necessariamente brevi”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.