Ragusa-Catania, sindacati contro Cancelleri: ''Riscontriamo assoluta incertezza'' :ilSicilia.it
Catania

criticità nei cantieri

Ragusa-Catania, sindacati contro Cancelleri: ”Riscontriamo assoluta incertezza”

di
26 Novembre 2019

“Ancora una volta riscontriamo assoluta incertezza e la mancanza di idee chiare rispetto alla realizzazione della Ragusa-Catania, che rappresenta un’opera determinante per il futuro e lo sviluppo produttivo della Sicilia”. Lo dicono, in una nota congiunta, i segretari della Filca Cisl, Carlo Spinello, della Feneal Uil, Rosario Coniglio e della Fillea Cgil, Franco Cascone.

I sindacati aggiungono: «Speravamo che nell’ultimo incontro, che si è tenuto con il viceministro Cancellieri, l’assessore regionale, Marco Falcone e i sindaci interessati, si potessero garantire maggiori certezze rispetto alla copertura finanziaria e al cronoprogramma e invece abbiamo solo ravvisato delle incongruenze nella trattativa fra Stato e Regione e soprattutto delle gravità rispetto, prima di tutto, al “modus operandi”».

«Infatti è certamente sorprendente che abbiano deciso di non coinvolgere noi sindacati che rappresentiamo la parte produttiva, cioè i lavoratori. Ma quello che ci preoccupa ancora di più – prosegue la nota- è lo stato confusionale e le tesi assolutamente contraddittorie del viceministro Cancellieri, che ha sempre detto che l’opera sarebbe stata finanziata dallo Stato ed invece ora chiede alla Regione di stornare delle cifre, che sono state destinate ad altre opere, e quella dell’assessore Falcone, il quale invece sostiene che non è possibile stornare le risorse già impegnate. Ancora una volta, pertanto – conclude la nota – ci tocca constatare che assistiamo soltanto a delle enunciazioni e passerelle rispetto alla costruzione di un’opera determinante, sul cui futuro continuano a dipanarsi solo ombre e poche certezze».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.